Un sorridente Puca

Noi strane creature di un habitat contaminato

siamo fiere di essere ubriache

noi vaghe creature di un habitat malsano

giochiamo sempre con il nostro Puca

un sorridente Puca dall'aria irriverente

monello quanto basta per distinguersi

dall'altra fredda gente.

(Dal disco “Rizoma contro Albero” di Libera Velo

Octopus Record/ Gennaio 2013)

 

 

A muso duro, imbracciando mitra metaforiche,  gli abitanti del Pianeta Terra  affrontano uno dei peggiori momenti della Storia dell'Uomo. 

Come accade per la vecchiezza  così si fa largo nel corpo e nel sangue di ciascuno la sgradevolezza del vivere. Come accade per gli animali chiusi in piccole gabbie ciascuno cerca di  eliminare fisicamente ed emotivamente l'altro per guadagnare spazio. 

L'unica gioia pare derivi dalla distruzione: l'idea nobile, il pensiero controcorrente, la lealtà ad un ideale, la semplicità dei gesti, la pervicacia nel desiderare piccole cose, la lieve sensazione di appagamento, la vicinanza ad un'altra persona, la voglia di raccontare silenziosamente, la necessità di ricordare, il piacere della diversità.

Non è cosa nuova, non è cosa straordinaria. La crisi mette in lotta chi ha di meno, chi non ha più nulla da perdere.

La guerra dei poveri sui cui corpi banchettano i ricchi e i colpevoli.

Oggi però tutti possono esprimere il proprio pensiero, basta un cellulare, un portatile, un computer.

Nessuno, dietro soprannomi, codici numerici  e nomi veri  teme di apparire inadeguato, stupido, nazi-fascista, ipocrita, puritano, razzista.

Il terrorismo etico, psicologico e morale è merce diffusa e molto utilizzata. Discriminazione, incomprensione, intolleranza sembrano quasi  virtù naturali dell'uomo.

La democrazia come la gentilezza  sono vuote  parole, hanno perso il loro significato.

Nel 1944 Mary Chase scrive una pièce teatrale con la quale vince il Pulitzer.

Parla di un uomo che “per trentacinque anni ha lottato contro la realtà e l'ha vinta fuggendola”.

Il peso del pensiero fuori dagli schemi, l'originalità delle proprie idee spesso cozzano contro il pensiero comune, la saggezza del vivere, l'incontaminazione dal diverso. 

Se c'è un virus nell'aria lo evito chiudendomi in casa, se il virus è nella mente umana  cerco di eliminarlo rinchiudendolo dentro  quattro mura  insonorizzate e antifurto.

E' necessario che le mie idee, piccole piccole, non vengano scalfite da sprazzi di lucidità.

Le mie certezze, coltivate, nutrite, radicate non possono essere scosse da un seppur “ragionevole dubbio”.

Nel 1950 il regista Henry Koster gira  “Harvey, il coniglio bianco” dal testo della Chase con un delicatissimo James Steward.

Harvey è un coniglio alto un metro e novanta, invisibile a chi non può vederlo.

 

 

Harvey è un Pooka. 

“Un Puca è uno spirito animale delle leggende irlandesi, che vive sulle montagne solitarie o tra le vecchie rovine. E' uno spirito Novembrino, infatti a lui, in Irlanda, è sacro il primo giorno di Novembre. A volte questo spirito solitario diventa amico e solidarizza con qualche umano, in questo caso può diventare visibile solo per lui, ma nessun altro è in grado di vederlo. Difficilmente, però, un Puca diventa amico di qualcuno, il più delle volte evita gli uomini, ma è capace di commettere atroci cattiverie contro chi, a suo insindacabile parere, meriti atroci cattiverie.

Se nella notte un cavallo lucente, un coniglio alto qualche metro, un asino, un toro o un'aquila incrocia il vostro cammino siate certi che è un Puca, fate finta di non vederlo, ma non ridete di lui o male potrebbe incorrervene”.

Ewood P. Dowd,  uomo di quarant'anni,  ci appare sorridente fin dalla prima scena, amichevole e gentile. Esce di casa e fa strada ad un immaginario amico, evitando che venga investito attraversando la via.

Ci appare immediatamente  uno fuori di testa,  uno sciroccato che parla con un amico inesistente. E' una persona amabile che non fa differenza tra un ubriacone ex detenuto e un personaggio eminente  della  comunità. Tratta tutti con estrema ed educata cortesia. E' un uomo garbato.

Eppure c'è una sottilissima vena di tristezza che si  accende in alcune affermazioni. 

“Per lei farei qualsiasi cosa, sarei disposto quasi a ricominciare la vita ..quasi”

E' un uomo che ha scelto di vivere fuori dalla realtà, di abbattere gli steccati delle convenzioni, di non accettare più stratagemmi e ipocrisie. In effetti di isolarsi di fatto pur cercando di socializzare. 

Ma anche in questo c'è un atteggiamento di vaga gioiosità: 

“Vado con Harvey nei bar, beviamo, ascoltiamo la pianola e allora i visi di tutta quanta la gente si voltano verso di noi ..e dicono “ Noi non vi conosciamo amico, ma siete un gran simpaticone” .

Harvey ed io ci sentiamo come scaldati in quei momenti: siamo entrati come estranei e ci troviamo tra amici. Ci vengono vicini, si siedono, beviamo insieme e parlano con noi. Ci dicono delle immense terribili cose che hanno fatto e delle immense stupende cose  che faranno: le speranze, i rimpianti, gli amori, le avversità. Tutte immense perché nessun uomo porta mai niente di piccolo in un bar. Infine io li presento ad Harvey  e lui è più grande di qualsiasi altra cosa  loro offrano a me. Quando se ne vanno sono molto impressionati. Difficilmente si rifanno rivedere, ma questa è invidia miei cari”.

Per Ewood il suo coniglio bianco è più reale di qualsiasi altra cosa : è la sua coscienza, è il simbolo di una scelta compiuta per  allentare il peso dell'esistenza, è la necessità di un isolamento dalla volgarità dei gesti umani. Dalla rabbia distruttiva, dalla costante infelicità.

E' un uomo gentile, ha un amico leale e un po' ribelle che fa da alibi alla sua impossibilità di approfondimento e coinvolgimento. 

Lui ascolta,  riflette, vede l'accadere delle cose, ma ne resta immune, discosto.

Quando Harvey scompare improvvisamente  Ewood spiega  chi è veramente il suo amico  “La scienza ha superato il tempo e lo spazio, ebbene Harvey ha superato non solo il tempo e lo spazio ma qualsiasi obiezione”. Il suo compito è dare risposte definitive e rassicuranti.  

In molti casi la finzione della “follia” è l'unico modo per sopravvivere alla forza sopraffattrice del mondo, e  restituire una forma energetica di benevolenza.

“Mia madre diceva  che a questo mondo devi essere o molto astuto o molto amabile. Io preferisco l'astuzia, ma consiglio l'amabilità”.

 

video

Laura Lambiase Profeta

Osare.
Avere il coraggio di andare contro corrente, di andare oltre, di valicare confini, di non fermarsi alla superficie. Non esiste una cultura alta ed una meno alta esiste solo la noia. Un gesto creativo senza vita, asfittico, pavido, furbo, conveniente è merda.
Laura Lambiase Profeta ha scritto di musica per "Laboratorio Musica" e "l'Unità"; ha descritto Napoli sul "Mattino" e sulla guida "dell'Espresso"; si è divertita su "Cosmopolitan".
E nata a Pontecagnano molti, molti anni or sono e vive a Napoli tra Paradiso e Provvidenza.


Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to LinkedIn

Commenti   

 
0 #7 Laura Lambiase Profeta 2015-06-03 14:41
Ciao Pier Paolo, ciao Assunta.
L'immaginazione, la trsfigurazione, rendere la vita un'immensa metafora è quello che fa l'artista.
Il mio lavoro invece è cercare di riconoscere il germe della bellezza, della nobiltà e della genialità quando qualcuno me le mette sotto il naso.
Qualche volta ci riesco, anche.
Abbracci!
Citazione
 
 
0 #6 Assunta 2015-06-03 14:19
Ci sono molti modi di essere liberi.
Uno di loro è di trascendere la realtà per mezzo dell'immaginazione.
Anais Nin
Citazione
 
 
0 #5 Pier Paolo Cornieti 2015-06-03 12:47
Dice Katia Sebastiani che "Il mondo è una curva e ti sfido a restare in piedi e a non patire la vertigine del vivere" Io per sopravvivere mi fingo scrittore che non sa rappresentare la realtà, ma è solo capace di romperla. Bello il tuo groviglio di idee.
Citazione
 
 
0 #4 Laura Lambiase Profeta 2015-06-01 09:55
Nel caso di Ulisse l'astuzia ha il peso di una virtù molto apprezzata, senza di essa il nostro amico sarebbe perito mille e mille volte.
Ulisse voleva restare vivo e tornare a casa.
L'astuzia, però, spesso è un modo per aggirare le questioni importanti, ferire chi ti sta vicino , dimenticare l'amorevolezza.
Io non stigmatizzo l'astuzia ma consiglio la benevolenza.
Un abbraccio
Citazione
 
 
0 #3 Angelo 2015-06-01 05:21
Rifugiarsi nel mondo della fantasia è un esercizio difficile che val sempre la pena di tentare, tanto la realtà è sempre lì ad aspettarci paziente. impossibile sfuggirle, in fondo è giusto così.
Il nome dell'Astuto per eccellenza significherebbe "colui che è odiato" nonostante da sempre sia uno dei personaggi più amati. Ma Odisseo è e resta solo un personaggio del mondo della fantasia. E anche lui avrebbe fatto volentieri a meno delle sue letali astuzie per vivere amato coni i suoi cari nella sua Itaca.
Citazione
 
 
0 #2 Laura Lambiase Profeta 2015-05-29 15:41
Ciao Giambi sono sempre felice di leggerti.
Sì una delle prime commedie di Eduardo si chiamava
"Ditegli sempre di sì" del 1927 .
E' molto difficile fuggire la realtà se non hai un Pooka a portata di mano, o almeno un "munaciello" che ti scombina la vita.
Però sono certa che rimanere al tuo posto sia stata una vera fortuna per i tuoi nipotini che ti adorano.
Mi mancano molto i tuoi racconti.
Abbraccio te e la tua bellissima famiglia.
Citazione
 
 
0 #1 Giambi 2015-05-29 12:12
Cara Laura,
quando alla fine del tuo saggio hai parlato di "finzione della follia" mi sono ricordato di una commedia di Eduardo al termine della quale, lo stesso Eduardo, tutto risolveva fingendosi pazzo.
Faceva il pazzo con mosse da Pulcinella.
Non riesco a ricordare il titolo della commedia, spero almeno di non aver sbagliato l'autore e l'attore.
Ben più angosciante è invece la lotta contro la realtà e la voglia di vincere fuggendola.
Ogni mio tentativo di fuggire dalla realtà è miseramente fallito: sono sempre stato riacciuffato e riportato al mio posto, volente o nolente.
Ciao
Giambi
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna