IL MONDO CAMBIA - vittime o protagonisti (nuovi campi, nuovi giocatori)

 

La gerarchia dei bisogni


I bisogni naturali dell’uomo sono stati studiati da molti scienziati
All’interno del mondo del lavoro (nelle organizzazioni) si fa solitamente riferimento ai modelli di Maslow e Herzberg.

 

Secondo Maslow i bisogni seguono una precisa gerarchia e si dispongono a scala:

Anzitutto l’uomo tende a soddisfare i bisogni fisiologici, materiali: deve dunque
costantemente valutare se il suo lavoro ha valore per l’economia e la società in quel  
momento della sua vita.

Subito dopo pensa al domani e sente il bisogno di sicurezza.
Deve continuare a domandarsi se sta vivendo esperienze utili a farlo diventare sicuro.

Poi sente il bisogno di appartenenza, essere accettato, amato dagli altri.
Deve stare attento alle delusioni affettive che hanno il potere di renderlo arido.

Quindi si manifesta in lui il bisogno di autostima, poter essere fiero di quello che fa.
Non deve accontentarsi degli applausi degli altri.

Al più alto livello si pone il bisogno di autorealizzazione: costruire, creare, inventare,
cambiare le cose. Deve  liberare il poeta, il creatore che è in lui e permettergli di esprimersi
nel quotidiano.

 


La teoria di Herzberg, pur fornendo un modello di gerarchia dei bisogni, si differenzia da quella di Maslow considerando che nella società moderna i bisogni primari sono già stati assicurati. Herzberg traccia una netta distinzione tra i bisogni che egli chiama “fattori igienici” e i bisogni che definisce “fattori motivanti”.

I fattori igienici possono corrispondere ai primi due gradini della scala di Maslow e rappresentano i pre-requisiti perché una persona accetti un lavoro.

In generale, conoscendo i bisogni, le ansie, le preoccupazioni che di norma animano gli esseri umani, diventa più facile trovare (per noi e per gli altri) le leve con cui modificare i valori, gli atteggiamenti, i comportamenti che decidiamo di avere nel nostro mondo di riferimento.
     


La scala di Maslow

                                                                   Autorealizzazione         

                          Bisogno di Autostima

                   Bisogno di Appartenenza

        Bisogno di Sicurezza            
                               
Bisogno Fisiologico


Bisogno Fisiologico:                          conquista dei beni materiali
Bisogno di Sicurezza:                        tranquillità rispetto al futuro
Bisogno di Appartenenza:                sentirsi accettati, amati
Bisogno di Autostima:                       sentirsi coerenti
Bisogno di Autorealizzazione:        sentirsi creatori    

    
           

 

Franco Marmello

Membro AIF Associazione Italiana Formatori, Responsabile Italia “Bottega del Cambiamento”, Giornalista, scrittore. Il progetto bottega si rivolge all'Uomo Nuovo in Azienda: una risorsa consapevole della complessità organizzativa provocata dal fenomeno del cambiamento, consapevole di dover crescere in modo meno empirico rispetto al passato, sia sul piano professionale che sul piano umano.


www.bottegadelcambiamento.it


Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to LinkedIn