La Conoscenza e la sua Economia

 


 

Indice

 

 

(Pubblicato solo per capire gli argomenti trattati)

Introduzione

Guida alla lettura

Sistemi di riferimento

     I livelli logici nella costruzione del significato ................................ 12

     Premessa.....................................................................................13

       La costruzione del significato ......................................................14

                AMBIENTE ....................................................................................................... 14

                EVENTO ............................................................................................................ 15

                SEGNALE .......................................................................................................... 16

                INFORMAZIONE ............................................................................................. 17

               CONOSCENZA .................................................................................................. 23

               SAPERE .............................................................................................................. 24

               METACULTURA ............................................................................................... 25


     Una visione della Storia umana ................................................... 28

        Bibliografia ...............................................................................34

        Opere citate ..............................................................................34

 


 

    Che cosa è economia .................................................................. 35

       Il significato del termine ..............................................................36

       Quali sono gli indicatori economici ................................................43

       Sezioniamo il cubo-struttura della storia lungo le trance

       Economia e dottrine economiche e i relativi piani di

       ricombinazione con eventi culturali ...............................................45

              Epoca antica e altomedioevale................................................................................. 45

             Periodo bassomedioevale .......................................................................................... 46

             Età moderna.............................................................................................................. 49

            Il secolo XIX ............................................................................................................. 52

            La prima metà del secolo XX ................................................................................... 58

            Il periodo della guerra fredda ..................................................................................... 61

            L'era del web ............................................................................................................. 71

   Come si forma il valore nel 'settore quaternario' ............................. 75

      Premessa ................................................................................... 76

      I 6 anelli della catena .................................................................. 77

           Componentistica .................................................................................................. 77

          Infrastrutture ..........................................................................................................79

          Servizi abilitanti le infrastrutture ..........................................................................80

          Servizi abilitanti l'uso............................................................................................. 81

         Servizi di SW............................................................................................................ 82

         Modelli di business ....................................................................................................... 84

Il ciclo di vita di un prodotto industriale ............................................. 87

    Ideazione ...................................................................................... 89

    Progettazione ................................................................................ 89

    Prototipazione ............................................................................... 89

    Ingegneria di produzione ................................................................ 89

    Produzione ................................................................................... 91

    Catalogazione ............................................................................... 91

    Magazzinaggio ............................................................................. 91

    Distribuzione ................................................................................ 91

 Introduzione allo standard ISO _OSI ............................................. 97

    Architettura a strati ..................................................................... 98

  Parte seconda                                                         108

  Il Nuovo Paradigma                                                110

Il TRATTAMENTO LOGICO E AUTOMATICO DEL BIT

(TLAB )..................................................................................... 120

    La natura materiale dell’informazione digitale .............................121

     I SETTORI DI APPLICAZIONE DEL TATTAMENTO

     LOGICO ED AUTOMATICO DEL BIT ............................... 134

     Inquadramento del TLAB negli appropriati sistemi di

     riferimento............................................................................ 138

              Il TLAB nella catena del valore ICT ..................................................... 140

             TLAB come processo di comunicazione .............................................. 142

               TLAB nella formazione del significato e della conoscenza .............. 144

      La 'linea del tempo' del TLAB ...............................................146

            Dal XVII al XIX sec ................................................................................... 146

            La prima metà del XX sec ......................................................................... 148

            Il periodo del boom economico e della guerra fredda .......................... 151

            Il TLAB nelle altre industrie e nella vita quotidiana.............................. 155

            L'era del PC e di internet ........................................................................... 160

           L'era del web ..................................................................................................165

    Parte terza ...........................................................,................ 169

    Le motivazioni della tecnologia MMR .................................... 171

      L'organizzazione dei contenuti in rete ..................................... 172

      L'evoluzione dei motori di ricerca ............................................173

      Altre condizioni al contorno..................................................... 180

                L'intelligenza collettiva ............................................................................ 180

                Le mappature semantiche ........................................................................ 182

      La soluzione .......................................................................... 184

           Il contenuto della tecnologia ....................................................................... 184

              Fase di ingresso dei documenti ................................................................ 185

                    Prestazioni ....................................................................................................185

                    Inquadramento epistemologico ..........................................................................186

                   Inquadramento nel ciclo di vita del prodotto che genera .......................................... 190

                   Evoluzione ..................................................................................................... 191

                  Le motivazioni ................................................................................................. 192

             Fase di esecuzione della ricerca .................................................................. 193

                Prestazioni.......................................................................................................... 193

                Inquadramento epistemologico ............................................................................... 194

                Inquadramento nel ciclo di vita del prodotto che genera .............................................. 198

               Le motivazioni ..................................................................................................... 200

               Evoluzione .......................................................................................................... 201

         La fase di presentazione ed elaborazione dei risultati.................................... 203

             Prestazioni............................................................................................................... 203

              Inquadramento epistemologico .................................................................................. 204

             Inquadramento nel ciclo di vita del prodotto che genera ................................................... 205

             Le motivazioni ........................................................................................................ 207

  La tecnologia NNP 209

    Panorama della rivoluzione digitale nell’editoria .......................... 210

       Il Diritto d’Autore e la pirateria informatica................................ 213

       Uno sguardo alle generazioni digitali: i ragazzi, la scuola e le

       tecnologie ................................................................................. 217

    La soluzione: il processo produttivo on demand ........................... 221

       I passi dell’editoria nel digitale .................................................... 221

       Il digitale nell’editoria: il processo editoriale on demand ................ 231

    La soluzione Giano : il modello di New Net Publishing©

    ................................................................................................... 242

       L’impatto economico del modello editoriale on-demand ................ 249

       Inquadramento fra i processi industriali....................................... 253

       Inquadramento epistemologico .................................................. 253

       Inquadramento fra i processi di comunicazione fra calcolatori

       .................................................................................................. 254

       Inquadramento nella catena del valore dell’ICT .................... 256

    Bibliografia essenziale ....................................................... 257

GLOSSARIO

    Definizioni .......................................................................... 260

       Numeri, vettori, matrici, determinanti, diagonalizzazione,

       sezionamento ........................................................................... 260

       Termini inerenti il terzo capitolo............................................. 267

       Termini inerenti l’ottavo capitolo .......................................... 277

       Termini inerenti il primo capitolo ........................................... 279

       Le caratteristiche scientifiche di un segnale ............................. 281

Altri indici

      Indice delle figure .............................................................. 285

      Indice delle tabelle ............................................................. 288

      Indice delle definizioni e delle loro ripetizioni ................ 289

 


 

 

Una visione della Storia umana

 


Quanto fin qui descritto, è valido ad ogni livello: dal singolo individuo alla piccola Comunità di sangue o di lingua o di lavoro e, in definitiva, all’intera Specie. Tuttavia, a  livello di  specie  e su scale temporali le cui graduazioni siano più lunghe della vita dell’individuo [almeno fino a circa il 1850],  diventa possibile  integrare questo fenomeno con una spiegazione della struttura della storia impostata in modo totalmente difforme da quella ufficialmente fornita.
Oltre il 1850 la graduazione minima della scala temporale diventa inferiore a quella di una vita umana e la tendenza prosegue fino ad oggi.
Infatti, mentre la vita umana si è allungata al limite dei  100 anni e oltre, le graduazioni massime praticabili sono nell’ordine dei 5 anni.
In caso contrario si accumulerebbero troppi eventi.
Si sa dal capitolo precedente che da ogni evento si propagano segnali per i quali, in questa sede, si adotta la visione corpuscolare dei quanti-evento perché è più facilmente associabile al concetto di ricombinazione.  
Questi fasci di particelle si diffondono sia verso i tempi successivi, che verso quelli precedenti.
Nel caso dei tempi anteriori si limitano a modificare la percezione degli osservatori `colorando’ in modo diverso gli eventi già avvenuti.
Nei tempi successivi, invece, potranno causare altri effetti fino al punto di generare nuovi eventi, sia da soli che combinandosi con quanti contenuti in altri fasci, ossia generati da altri eventi: in questo ultimo fenomeno consiste la “ricombinazione” .


A titolo di esempio si esamini il cubo struttura della storia in corrispondenza del momento in cui si manifesta l’evento che pone fine alla condizione culturale imposta dal Medio Evo : la  nascita dei liberi Comuni, delle scuole di Arti e Mestieri e soprattutto quella delle Università nell’anno 1088.


Sezionando  il cubo sullo strato Europa e lungo le trance economia, aritmetica ed eventualmente diritto, si vedono dapprima i Glossatori bolognesi, la diffusione delle antiche Universita’ cittadine o statali e il diffondersi della alfabetizzazione: si sviluppano la Classe media mercantile e il Diritto commerciale e in generale il Diritto privato per i Cittadini ordinari mentre va in declino la Servitù della Gleba.


Proseguendo lungo la trancia aritmetica si consuma l’evento importazione del concetto di neutro additivo (0) e adozione della notazione posizionale per i numeri, da cui  si propaga il primo dei fasci di quanti evento di cui si osserverà la ricombinazione.

Tuttavia, essendo questo a sua volta un punto di ricombinazione, sarà possibile e quasi necessario seguire all’indietro la traccia che lo determina fino allo strato etichettato Medio Oriente e alla colonna ÏX secolo, dove si vede la formalizzazione di questo sistema numerico come importato dall'India e quindi fino allo strato  India e alla colonna  circa sei secoli precedente,  quando il concetto appare.


Sempre nella trancia aritmetica, entro cento anni da questo momento appare  un’altra innovazione cruciale: l’introduzione del sistema contabile a Partita Doppia.

Tale evento si è reso necessario perché, molti dei nostri liberi Comuni erano  mercantili e marittimi e, pertanto, specializzati in trasporti e in commerci conseguendone la necessità di inventare un sistema di annotazione delle attività di scambio da cui emergessero con certezza le partite debitorie e creditorie di ciascun Operatore verso qualsiasi altro in un sistema di compensazione contabile.

Anche questo secondo fascio di quanti-evento ci interessa nelle sue proiezioni verso il futuro.


Col trascorrere di un ulteriore secolo, si evidenzia, nel XV, il consumarsi del mega evento conoscitivo: l’invenzione  della stampa a caratteri mobili donde si propagano ulteriori fasci di quanti-evento.


Nel decennio successivo si ha la prima ricombinazione evidente: parte dei fasci di particelle si ricombinano generando la lettera di credito standardizzata e la cambiale e nascono le Banche e le attività di credito internazionale.


Da questo evento si propaga nella filosofia la necessità di limitare e ridefinire il concetto di proprietà e di passaggio della medesima e prende sempre più piede il concetto della moneta come Ragione di scambio, ovvero unità di misura del valore di ciò che si scambia, mentre socialmente il baratto tende a scomparire.
E così via.
Ruotando il cubo in maniera da avere visione frontale dei raggruppamenti geografici e linguistici, che normalmente starebbero sugli strati  la situazione apparirebbe come in  Figura 1

 


Figura 1: esempio di sezionamento del cubo per piani di propagazione e ricombinazione


Bibliografia

Korzibsky Alfred – science and sanity 1933
Von Neumann – science of information and communication 1948
Bateson , Greg – Verso un’ecologia della mente  1969
Cannella, Claudio  - i livelli logici e la formazione del significato 2003-2013
Colamonico Antonia  Ordini Complessi. Carte biostoriche di approccio ad una conoscenza dinamica a cinque dimensioni. Il Filo, Bari 2002.

Opere citate
Scheufele,  Dietram  et al  (2003). Religiosity as a Perceptual Filter: Examining Processes of Opinion Formation about Nanotechnology.  public understanding of science.

 

 

 

 

Claudio Cannella, Salvatore Pappalardo

Nato a Livorno il 13/05/1957. Residente in Torino.
Laurea in fisica conseguita presso AlmaMAter Studiorum Bologna il 14/10/1979.
Diploma di conoscenza della lingua tedesca (B1) presso wall street institute 1977
Laurea in Lingue Straniere Moderne conseguita in Firenze nel 2005
Attività professionali
Insegna programmazione in linguaggio COBOL, insegna alla summer international School on Radition protection presso GSF e Università di Munchen e quindi viene assunto dall’Olivetti come progettista HW occupandosi di collaudi, assistenza utenti e di progetto di un modem a larga banda RadioFrequenza sintonizzabile nell’ambito di un progetto ESPRIT; viene nominato rappresentante della Olivetti in sede delle commissioni di standardizzazione IEEE802.3 e 802.7 in questo periodo inventa un metodo di sintonizzazione e autocontrollo ad alta stabilità ed un metodo di campionamento del suono ad alta efficienza. A Bologna si occupa di strumenti elettromedicali. A Roma per la SEI di Pomezia si occupa di automazione di sistemi di comunicazione.Si impiega come capoprogetto presso Ansafone Elettronica per progettare una centrale di scambio per telefonia e dati passa alle dipendenze di SIMEZ e con essa presenta un progetto nell’ambito del Programma ESPRIT, volto all’utilizzo del sistema di sintonia e modulazione ad alta stabilità inventato presso Olivetti per modem e trasponder ad alta stabilità per traffico dati che di fatto getta le basi del WIFI. Nel 1991 passa definitivamente .al software, in linguaggio c e FRED e con SIEMZ e Pascal sviluppa diversi pacchetti, gestionali e di formazione, ed insegna nuovamente presso Centro Alta Formazione di AGIP in Urbino e scrive un metodo di accesso indicizzato per dati a lunghezza variabile per PC (antenato dei moderni DB). Nel 1992 in Living si occupa di editoria elettronica ed estende con vari metodi di ricerca e navigazione del
testo in programmi che soggiacciono ai prodotti di editoria elettronica di questa ultima.Passa alle dipendenze di Centro Sistemi di Montevarchi dove si occupa di pacchetti gestionali in SQL-4GL Nel 1997 si impiega presso PNP Italia, e cura il coordinamento e la standardizzazione dei dati e delle comunicazioni telematiche con la rete di fornitura dei dati
Dal 1999 al 2006 come libero professionista collabora con varie realtà fra cui Giano con cui inizia lo studio del metamotore di ricerca, cura la campagna di comunicazione internazionale del sistema produttivo-distributivo NNP ed una serie di prodotti editoriali elettronici sull’informatica e sulla rete,  cura la specificazione e realizzazione di un primo prototipo del sistema NNP, avvia la brevettazione del metamotore, cura l’allestimento di un notevole catalogo musicale e di diversi siti sperimentali. Nel 2001 tiene, presso l’Università della Calabria il primo seminario di illustrazione del metamotore ad argomento “introduzione alla semantica‘ (annex ps.2.7). e nel 2004 tiene il ciclo di lezioni relative all’informatica nell’ambito del master Giano presso l’Università di palermo In questo stesso periodo cura la rassegna stampa internazionale della provincia di Torino ed insegna presso il Sindacato dei Medici di Medicina Generale l’utilizzo del computer e consegue la laurea in lingue. Dal 2007 in poi, infine, collabora con Giano seguendo il lato tecnico, curando le relazioni internazionali soprattutto nell’ambito degli specialisti di .linguistica computazionale e predisponendo progetti di ricerca e sviluppo a livello europeo e piani finanziari ed industriali per la ricerca di capitali relativi al metamotore e alle altre tecnologie Giano. Dal 2012 in poi sviluppa vari metodi innovativi per il metamotore.

 

Salvatore Pappalardo

Nato a Torino 03/11/1941 Residente a Roma
Laurea Economia e commercio Luglio 1964 Università LUISS Roma.
Esperienza professionale
· Già durante gli studi universitari si impiega in IFI e riceve l’incarico di auditor per
diiverse controllate fra cui Cinzano, motonave porto Marghera, genepesca e Sirma
· ricercatore di staff per 4 anni preso IRMAR Roma
· Addetto alle ricerche di emrcato in settore agricoltura presso IRVAM
· nel 1972 fonda due società di servizi basati su tecnologia : prima SECOA e poi SELDAC che in soli 5 anni porta ad essere fra le prime 10 realtà in Europa nel settore [principalmente dataentry]
· 3 anni direttore mar ket ing e progetti speciali presso SIMEZ
· nel 1987 fonda Liv ing la prima Editrice specializzata in editoria informatizzata
· nel 1992 insieme con Marco Pappalardo ed altri imprenditori del settore fonda PNP Italia
· nel 1998 fonda Giano come spin-off di PNP per attività di ricerca e sviluppo e di
editoria

 


Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to LinkedIn