Rito breve della separazione/divorzio: Negoziazione Assistita

 

SEPARAZIONE - DIVORZIO E MODIFICA dall'AVVOCATO.


Con   la   legge  n.  162/2014   si   è   voluto   dare  ampio   spazio   alla   sola   avvocatura, esautorando, di fatto, ogni altra possibile figura professionale che avrebbe potuto, con altrettanta legittimità, prendere parte alla tutela e supporto della coppia, del singolo individuo, del minore o di tutto il sistema famiglia.
A  parere   di   chi   scrive,   in   tal   modo  si   è   prodotto   un  semplice e cattivo surrogato   della mediazione   familiare,   tralasciando  oggettivamente  l’interesse della   coppia, dell’individuo, della famiglia e del minore in tutte le sue potenzialità.
In questo contesto storico e sociale, scomodando il Prof. Zygmunt Bauman, il futuro non appartiene più alla famiglia ma alla coppia fluida, che si lega e si scioglie con disinvoltura “liquida”.


Scrive Bauman: “Oggi è la pazzesca velocità di circolazione, di riciclaggio, di obsolescenza, di smaltimento e di sostituzione che crea profitto, non la durata e l’affidabilità nel tempo del prodotto”.

Anche del prodotto-famiglia.
Con   questa   legge,  “separazione”   e   “divorzio”  diventano   dei   meri   atti
burocratici/amministrativi dove un solo professionista e, successivamente, due uffici
pubblici, e nello specifico l’Ufficio Affari Civili della Procura come prima tappa, e il
Comune come seconda, se ne fanno carico, mentre sarebbe stato più che auspicabile
un intervento complessivo alle persone, usufruendo di un approccio multidisciplinare
nel tanto atteso e discusso  Tribunale della   Famiglia  che dovrebbe  poter avere   al   suo servizio una equipe di figure professionali diverse, altamente specializzate e qualificate che sappiano lavorare in gruppo e senza alcun scollamento con la rete dei servizi presenti sul territorio.

Fatta   questa   premessa,   è   possibile  descrivere  questa  nuova   legge   che
accorcia   tempi   delle   procedure   di   separazione/divorzio,  e   che,   al   contempo,
rappresenta  una forma meno costosa rispetto ad altri strumenti legislativi.

Separarsi, divorziare o modificare le precedenti condizioni di separazione o divorzio
è oggi possibile  attraverso la firma del cosiddetto “verbale di negoziazione”, a cui segue un “accordo”, formalizzato presso lo studio di un legale, siglato dai coniugi, redatto con la curatela dei rispettivi avvocati, nella misura di uno per ciascuna parte.
L’accordo così formalizzato,  verrà poi consegnato dai rispettivi legali  presso il già citato Ufficio Affari Civili della Procura (che ha sede a Roma in Viale Giulio Cesare
54/b), per essere vagliato da un Pubblico Ministero, il quale, a seconda della presenza
o meno di figli, si esprimerà nel primo caso con una “Autorizzazione” o con  un “Nulla Osta” in assenza di soggetti di minore età.

Dopo   questo   primo   passaggio,  sarà compito  dell’avvocato  portare materialmente l’atto siglato al Comune e più precisamente presso  l’Ufficio di Stato Civile  per le corrispondenti  annotazioni di legge.
Questa procedura ha gli stessi effetti di una decisione giudiziale, e, come detto, può
essere effettuata anche in presenza di figli minori o di figli maggiorenni incapaci, o
portatori di handicap grave o economicamente non autosufficienti.
Si   ricorda,   infine,  che   la   negoziazione   assistita   si   può   effettuare  però  solo   a condizione che vi sia il  completo  accordo delle parti su tutti gli aspetti (siano essi
personali che patrimoniali) dello scioglimento del legame familiare.
 

 

COSA SI PUO’ OTTENERE CON LA NEGOZIAZIONE ASSISTITA?:


1) LA   SEPARAZIONE   CONSENSUALE  (anche in presenza di figli minori, con grave handicap o maggiorenni non economicamente autosufficienti)


2) IL DIVORZIO CONGIUNTO (ma prima deve avvenire la separazione   giudiziale
con sentenza passata in giudicato. Per il divorzio è necessario che siano passati 6 mesi dalla separazione e un anno se la separazione è stata giudiziale).


3) LA   MODIFICA DELLE CONDIZIONI  DI SEPARAZIONE E O DIVORZIO (ma prima deve avvenire la separazione giudiziale con sentenza passata in giudicato. Per il divorzio è necessario che siano passati 6 mesi dalla separazione e un anno se la separazione è stata giudiziale).

 

SEPARAZIONI   E   DIVORZI   ANCHE   DAVANTI   ALL’UFFICIALE   DI   STATO
CIVILE DEL COMUNE:
se non ci sono figli minori o portatori di handicap grave o economicamente non autosufficienti, e a condizione che l’accordo non contenga patti di trasferimento patrimoniale, la presenza dei legali è solo facoltativa.

Ps: per maggior approfondimento si rinvia il lettore ai seguenti link e più precisamente:
1) Linee guida mantenimento figli (www.ordineavvocati.roma.it,
www.diritto24.ilsole24ore.com);
2) Nota agenzia delle entrate ( www.agenziaentrate.gov.it.it);
3) Linee guida Procura di Milano (www.giustizia.it);
                                          
                                        
                          

Emanuela Moffa

Pugliese di nascita, romana d’adozione e d’elezione.
Psicologa di comunità, psicoterapeuta, esperta in comunicazione psicosociale e anche in ambito giuridico.
Vicina ai temi dei diritti umani e della cooperazione internazionale.
Ambientalista e animalista da sempre.


Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to LinkedIn