Cambiare passo, andare più lenti: e’ possibile oggi?

 

Bruno Contigiani, fondatore dell’Associazione Vivere con Lentezza, aprirà lunedì 8 maggio l’undicesima edizione della Giornata della Lentezza partecipando a una pedalata acquatica a Padova, realizzata con il gruppo Vo.Ra.Be (voga, rama e bevi)

 

Partirà da Padova lunedì 8 maggio, con una pedalata acquatica alla quale parteciperà Bruno Contigiani con Vo.Ra.Be (voga, rama e bevi), l’XI edizione della “Giornata della Lentezza”, l’iniziativa che l’Associazione Vivere con Lentezza (www.vivereconlentezza.it) promuove per invitare le persone a riprendersi il proprio tempo, ad ascoltarsi e a connettersi con se stessi, con gli altri e con l'ambiente. Sono già stati fissati eventi in località e aree geografiche  molto differenti tra loro, per caratteristiche e dimensioni (Padova, Le Havre, New York, Matera, Milano, Cadorago/Como, Venezia, Caltanissetta, Pavia, Piacenza, Montalcino, Lodi, Tokyo, Oncino/Cuneo, Ferrara, Genova, Salento, Murgia e Gargano, Parco del Pollino, ecc.), ma ciò che caratterizza ognuno di questi eventi è proprio la volontà di dimostrare che è possibile affrontare con un passo differente la vita di tutti i giorni.

 



“La Giornata della Lentezza, è un invito gioioso a rallentare, a non essere preda della frenesia”, sottolinea Bruno Contigiani, “ma nonostante ciò affronta un tema però molto serio: l'indifferenza e il distacco dalla realtà, che il correre senza freni comportano, trasferendoci in una realtà amplificata, dove in luogo di stare con gli amici, inforchiamo gli occhiali virtuali. Fermarsi e rallentare, fa bene non solo al cuore, ma anche alle nostre relazioni, agli affetti, a riconnetterci con noi stessi, gli altri e l'ambiente. Proviamoci, con leggerezza, non sarà una resa, ma un “A rimortis” come quando si giocava da piccoli, una pausa per una  felice ripartenza.”

A Milano proseguirà la collaborazione con il Politecnico e  l'Università Cattolica (Slow Brand Festival), a Ferrara ci sarà un appuntamento sulla Sharing Economy e nel lungo elenco di adesioni spiccano gruppi di persone, associazioni, istituzioni e strutture che si riconoscono nei 14 “comandalenti” di Vivere con Lentezza. Vista l’ampia adesione da parte di gruppi e associazioni sparsi su tutto il territorio nazionale la giornata si protrarrà fino a metà giugno, per dare l’opportunità a ognuna delle diverse realtà di realizzare le diverse iniziative con i propri tempi.

L’Arte del Vivere con Lentezza è un progetto nato nel 1999 tra Pavia e Milano, che nel 2005 è diventato associazione. Da agosto 2013 è registrata nel registro provinciale di Piacenza del volontariato, è quindi Onlus di diritto. Lo spirito dell’Associazione è quello di ricercare nuovi modi di vivere meglio, basandosi su un principio di necessità di “rallentamento” dei ritmi di vita, per capire dove stiamo andando e dove vogliamo andare. Anche per Vivere con Lentezza molte cose sono cambiate nel corso degli anni: una nuova socia di 2 anni, la realizzazione di un progetto di cohousing tra amici, la pubblicazione di tre libri, l’affermazione dell’iniziativa “Leggevamo Quattro Libri al Bar” (sempre grazie a Gino Paoli).  Il gruppo di lavoro ha anche progetti di lungo periodo e dà valore alla cultura, allo studio e all'apprendimento, per questo in India lavora a progetti di scuole nelle baraccopoli di Jaipur con bambine e bambini di strada, mentre a Pavia e Piacenza, nelle case circondariali, opera con gruppi di lettura ad alta voce e con la produzione di periodici scritti dai detenuti.


RIQUADRO 1
Le adesioni alla Giornata della Lentezza, realizzata con il sostegno di Intesa Sanpaolo, a oggi sono veramente notevoli:
AVELLINO - Associazione Iris
BEREGUARDO (PV) - Associazione Auser Argento Vivo
CADORAGO (CO) - La Bella Tartaruga
CANNOLE (LE) - Studio Ambientale Avanguardie
CASCIANA TERME (PI) - Associazione Orecchie Lunghe e Passi Lenti
CATANZARO - Il Valore della Professione
CITTA' DI CASTELLO (PG) - Altotevere senza frontiere
FRATTAVECCHIA (PG) - Casale Poggiolo Basso
FIRENZE - Slow Group e Counseling Creativo
MANTOVA - Associazione Italiana Persone Down
MATERA - Associazione di Promozione Sociale Al Jalil Yoga
MATERA - Yoga Matha
MILANO - EtLine con Barbara Demi
MILANO - Politecnico di Milano
MILANO - Brandforum.it e Università Cattolica (Altis)
NEW YORK - Slow Walk
ONCINO - Le Mulattiere di Oncino Agriturismo
PAVIA - Casa Circondariale di Pavia a cura di Vivere con Lentezza
PAVIA - OdG e Vivere con Lentezza
PAVIA- Yoga Nidra
PONTECAGNANO FAIANO (SA) - Isea Onlus
PADOVA - Vo.Ra.Be.
PARCO del POLLINO - South West Basilicata
PIACENZA - Casa Circondariale di Piacenza a cura di Vivere con Lentezza
TRIVERO (BI) - Oasi Zegna
TRIVERO (BI) -  Bi-Mind, BTREES, Nabumbo con Oasi Zegna
VARESE - associazione 23&20 e Spa dell'Anima
WERFENWENG (AUSTRIA) - Associazione Alpine Pearls
VICOBARONE (PC)  - Vivere con Lentezza
ZIANO PIACENTINO (PC) - Vivere con Lentezza, Biblioteca Carla Carloni e Comune di Ziano Piacentino
**************************************
Vivere con Lentezza in breve
L’Arte del Vivere con Lentezza è un progetto nato nel 1999 tra Pavia e Milano, che nel 2005 è diventato associazione. Da agosto 2013 è registrata nel registro provinciale di Piacenza del volontariato, è quindi Onlus di diritto. Lo spirito dell’Associazione è quello di ricercare nuovi modi di vivere meglio, basandosi su un principio di necessità di “rallentamento” dei ritmi di vita, per capire dove stiamo andando e dove vogliamo andare. Anche per Vivere con Lentezza molte cose sono cambiate nel corso degli anni: una nuova socia di 2 anni, la realizzazione di un progetto di cohousing tra amici, la pubblicazione di tre libri, l’affermazione dell’iniziativa “Leggevamo Quattro Libri al Bar” (sempre grazie a Gino Paoli). 

RIQUADRO 2: i “comandalenti”
Sono 14 i primi comandalenti, per trovare la velocità giusta nella vita, secondo Vivere con Lentezza. Eccoli:
1) svegliarsi 5 minuti prima del solito per farsi la barba, truccarsi o far colazione senza fretta e con un pizzico di allegria; 2) se siamo in coda nel traffico o alla cassa di un supermercato, evitiamo di arrabbiarci e usiamo questo tempo per programmare mentalmente la serata o per scambiare due chiacchiere con il vicino di carrello; 3) se entrate in un bar per un caffè: ricordatevi di salutare il barista, gustarvi il caffè e risalutare barista e cassiera al momento dell'uscita (questa regola vale per tutti i negozi, in ufficio e anche in ascensore);4) scrivere sms senza simboli o abbreviazioni, magari iniziando con caro o cara..; 5) quando è possibile, evitiamo di fare due cose contemporaneamente come telefonare e scrivere al computer...se no si rischia di diventare scortesi, imprecisi e approssimativi; 6) evitiamo di iscrivere noi o i nostri figli ad una scuola o una palestra dall'altra parte della città; 7) non riempire l'agenda della nostra giornata di appuntamenti, anche se piacevoli, impariamo a dire qualche no e ad avere dei momenti di vuoto; 8) non correte per forza a fare la spesa, senz'altro la vostra dispensa vi consentirà di cucinare una buona cenetta dal primo al dolce; 9) anche se potrebbe costare un po' di più, ogni tanto concediamoci una visitina al negozio sottocasa, risparmieremo in tempo e saremo meno stressati; 10) facciamo una camminata, soli o in compagnia, invece di incolonnarci in auto per raggiungere la solita trattoria fuori porta;11) la sera leggete i giornali e non continuate a fare zapping davanti alla tv; 12) evitate qualche viaggio nei week-end o durante i lunghi ponti, ma gustatevi la vostra città, qualunque essa sia; 13) se avete 15 giorni di ferie, dedicatene 10 alle vacanze e utilizzate i rimanenti come decompressione pre o post vacanza; 14) smettiamo di continuare a ripetere: "non ho tempo". Il continuare a farlo non ci farà certo sembrare più importanti.

 

Graziella Falaguasta

- Social projects, education, adult training
- Communication projects for global companies as well as for local organizations
- Media relations based on quality contents for editors
- Event management
- Press Office organisation for exhibitions

it.linkedin.com/pub/graziella-falaguasta/0/b50/204


Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to LinkedIn