Trieste in sintesi

 

Trieste è stata per 536 anni fedele alla Casa d'Austria, per cui la sua italianità è stata forse più confusa con il parlare italiano,  derivato dalla lingua commerciale veneta allora importantissima per i commerci in Adriatico, che non dalla vera vocazione italiana.  Tant'è che per entrare nella marineria da guerra austroungarica, dopo la caduta di Napoleone, era necessario conoscere il parlare veneto.  Ulteriore dimostrazione di ciò potrebbe essere anche l'enorme numero di abitanti che hanno prestato servizio durante la prima guerra mondiale nelle file austroungariche, contro il migliaio e fors'anche meno che, passato il confine si sono uniti all'esercito italiano. 

Trieste città senza amor di  patria? la risposta potrebbe essere affermativa fino ad un certo periodo storico, in quanto città squisitamente economica, finanziaria e commerciale.

 

 

Storia di Trieste in sintesi

 

la vispa Trieste viveva giuliva

con tanti vapori davanti 'la riva

 

I bori coreva, le mule cantava...

e i zorni de festa... alè!!! se fraiava

 

Ma... i soldi no basta per esser contenti...

pensava Trieste in zerti momenti

 

E... 'ssai la bramava quel zorno beato

che fossi 'rivado el suo fidanzato.

 

Lù...forte el pareva; el pareva bon

con quela sua forma de stivalon.

 

Te voio” el ga dito con convinssion

posso darghe a l'austriaco...un grande piadon”

 

mia sposa te voio per l'eternità

farò de ti una grande e moderna zità...”

 

Infati a la Casa d'Austria la gaveva giurà fedeltà

ma dopo 530 anni la voleva un poca de italianità

 

molti abitanti iera perplessi

su sta politica e i sui riflessi

 

sul lato economico e la stabilità

pensando a la fine de le ostilità

 

Per farvela curta lù po' el xe rivà

a governar 'sta bela zità

 

butando zo case...altre vie el ga creado

e perfin i cognomi el ga italianizzado

 

E... un poco a la volta, finide le feste,

calava i vapori e anca i bori, a Trieste.

 

El tempo passa e torna i ricordi

dei tempi ricchi, felici e dei tanti bagordi...

 

Pò torna la guera, e xe altri i amori

sempre zercando bori e vapori

 

Qua chi comanda xe el GMA !

ma anca Tito rivendica, de Trieste, la paternità...

 

Se te me sposi, te pol esser sicura

...de tempi migliori....”

 

Sposarme con uno o con l'altro?

Ma feme un piazer... per mi ghe vol altro.”

 

Posso benissimo viver da sola

e ben imbandida sarà sempre la mia tola...!”

 

Mi voio che l'ONU me dia dignità

e alora si che el mondo intiero qua investirà”

 

L'ONU in effetti rajon ghe ga dà

ne la richiesta de la sua libertà

 

ma tira de qua, tira de là l

'sta idea risulta ad alta pericolosità

 

I anni passa e anche el GMA

a la fin el se ne va

 

E dopo de lù ghe xe l'emigrassion

La Patria viene e i figli se ne vanno”

iera scrito sul bordo de un vapor

che partiva tra tante lagrime e tanta emossion

 

e in istesso tempo, con Tito che no molla,

Trieste se riempissi de un altro tipo de folla.

 

Xe tuti italiani scampadi da l' istria

dove Tito voleva un unico popolo a stampo socialista.

 

Più no se parla de bori e vapori

più no se parla de finanziatori...

 

la lingua bati dove el dente diol..

e xe cussì che trieste diventa la zità del no se pol

 

Pecà, Trieste, che nissun te gabi mai amada.

tuti se ga servì de ti... e te son stada 'ssai sfrutada

 

Ma anche se la Storia, matrigna te xe stada,

la Natura te ga dado un po' de tuto

cussì chi che vien a vardarte, per la tua bellezza, el resta... muto!

 

Tanti xe vignui...tanti xe restai...

per ti, qualche volta resta la nostalgia dei tempi andai!

 

e … ancora finida no xe 'sta 'ventura …

nissun sa cossa ghe riserva, a Trieste, la storia futura...

 

Xe storia vissuda momento per momento

che ghe somiglia a la favola de Sior Intento

che dura tanto tempo e che mai no la se distriga...

la vol che ghe la diga?

diego sivini
Author: diego sivini

Nato a Trieste, classe 1939. Una vita dinamica, vissuta nell’ambito delle relazioni commerciali e culturali internazionali, in modo particolare rivolte ai Paesi dell’Est Europa e del bacino Mediterraneo. Si è laureati recentemente -a 78 anni compiuti-  in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali (110/110). E’ stato insignito dell’onorificenza di Cavaliere della Repubblica al tempo degli on. Pertini e Spadolini, del “Cuoricino d’oro” massima onorificenza della Associazione Amici del Cuore, nonché del Mercurio d’Oro e del Premio Trieste che Lavora.


Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to LinkedIn