Mancanza ed eccessi dell'oro blu: l'acqua!

 

Più volte anche in questo giornale si è parlato dell'oro blù, l'acqua raccomandandone l'utilizzo responsabile e la disponibilità crescente.

E'altrettanto vero che spesso abbiamo affrontato il tema dei cambiamenti climatici e delle bombe d'acqua che spesso li caratterizzano.

Due facce della stessa medaglia: mancanze ed eccessi della stessa preziosa sostanza, che ci obbligano a riflettere sulla mancata capacità dell'uomo a convogliare in misura equilibrata le risorse naturali.

Ora però giunge un nuovo allarme:le bombe d'acqua non sono sufficienti, proprio per la loro disomogenea distribuzione nel tempo e nello spazio, per garantire all'agricoltura la necessaria contribuzione alle risorse alimentari.

Così in Svizzera, un paese a noi così vicino, portano con gli  elicotteri l'acqua ai campi aridi ed in Austria e Germania i tempi della vendemmia sono stati anticipati proprio per l'aridità.

Il problema è comunque planetario: in Argentina della caduta del PIL è responsabilizzata la ridotta produzione agricola correlata alla siccità, in Australia si sta attraversando una  crisi idrica senza precedenti, in Sud Africa cercano soluzioni tecniche per una  crescente aridità e fra quelle offerte dai  consulenti colpisce quella di trasportare un iceberg dall'Atlantide del peso di 500  mila tonnellate.

La difficoltà principale della proposta è stata  individuata nella forma dell'iceberg che possa garantirne la stabilità durante il trasporto.

L'idea è merito del capitano Nick Sloane, lo stesso  che ebbe  l'incarico del recupero del relitto della Costa Concordia all'isola del Giglio.

Riflettendo però si deve concludere che l'idea non è poi così nuova: le piattaforme petrolifere temono gli iceberg e quando li hanno vicini provvedono al loro spostamento, anche se si tratta di dimensioni  minori.

Tornando al Sudafrica c'è anche da affrontare la conservazione dell'iceberg trasportato e la sua fusione modulata e modellata, ma da quanto viene comunicato sembra che siano disponibili soluzioni per entrambi i problemi.

Quanto fin qui detto ci fa riflettere sulle ripetute similitudini  circa il valore prezioso dell'energia rinnovabile e del l'acqua: la ragione prima di tale preziosità è probabilmente da attribuire alla difficoltà di accumulo; gli eccessi non sono utilizzati per  coprire le carenze.

Forse una delle sfide del futuro prossimo è proprio nelle tecnologie di accumulo che consentano una distribuzione equilibrata delle risorse nel tempo e nello spazio.

 

 

 

Luigi Campanella

Degree in Chemistry and qualified as chemist on 1961.
University teaching qualification for Electrochemistry.
Stabilised in charge Professor of "Practice Industrial Chemistry II" and then of "Practice of Applied Chemical Analysis"  at the University "La Sapienza" of Rome from 1967 to 1980.
Full Professor of "Analytical Chemistry" at the University "La Sapienza" of Rome since 1980 and of Environmental and Cultural Heritage Chemistry since 2003.Also Professor of "Agricultural Chemistry" and then "Soil Chemistry since 1994, of "Restoration Chemistry" since 1998 andof Food Chemistry since 2003 at the University "La Sapienza" of Rome.
President of the Council of the Industrial Chemistry Course from 1981 to 1983
Head of the Chemistry Department in the period 1983-86.
Director of the Ph.D. course in Chemical Science at  the University of Rome.
Dean of the Faculty of Mathematical, Physical and Natural Science of "La Sapienza" University of Rome from 1988 to 1994.
Author of about 500 publications in the field of Analytical Chemistry, Electrochemistry, Environmental Chemistry and Analytical Biotechnology. Particularly he set characterised and applied many biosensors, based on immobilised enzymes or vegetal tissues, to determine compounds of clinical, pharmacological and environmental interest. These let him to participate as a member to the CEE Research Group on "Biosensor". He also studied the application of chemical and biological procedures for the remediation of polluted (by surfactants, hydrocarbons, pesticides, heavy metals) civil and industrial wastes.
He participated at about 500 national and international Congresses.
Author of five books in the fields of Analytical Chemistry,Applied and Industrial Chemistry,Phylosophy of Chemistry,Chemistry of Cultural Heritage
President of the Division "Analytical Chemistry" of the Italian Chemistry Society from 1989 to 1990 and of the Environmental and Cultural Heritage Chemistry Division since 2004 till 2006
Vice President of the Italian Chemistry Society from 1990 to 1992.
President of MUSIS (Museum of Science and Scientific Technology) in 1991.
Scientific adviser of Rome mayor from 1993 to 1997.
Visit Scientist in Russia (MOSCOW University and Museum), Poland (Warsaw University), Canada (Moncton University), China (Pechino Environmental Sciences Institute), USA (Oak Ridge Labs), Tunisia (Tunis City of Science), Cuba (L’Avana University).
Representant of Italy in IUPAC (International Union of Pure Applied Chemistry)
Member of EUCHEM,American Chemical Society,AOAC
Responsible of Internationsal Research Agreement withL’Avana University Faculty of Sciences,with Lomonosov (Moscow)University Center of Eco Health
Member of various Study Commissions in CNR (National Research Council), MURST (Ministry of the University and of Scientific and Technological Research), ENEA (New Technology, Energy and Environmental Agency), between which the Infrastructure, Innovative Materials and Chemistry Committee of MURST, the Metals Group of Water Research Institute of CNR
Winner of International Capire Prize for a creative future on 1994 , of the European E.I.P. (School as instrument of peace) Prize on 1996 and of the Prize Science for Peace (Convention 2005)
Gold Medal 2003 of the Environmental Chemistry Division of Italian Chemical Society.
2007 Liberti Medal of Italian Chemical Society
Winner of Croce Prize 2008 for Alternative methods to experiments on animals 
Winner of Anassilaos Prize 2009 for Scientific Research


Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to LinkedIn

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna