1989 momento di controllo distopico

 

 

 

rientro in Italia dopo quasi venticinque anni lontano non solo fisicamente in quattro continenti fondata società di formazione e consulenza costretto a chiedere a prospect cosa vuol dire abbiamo le fiamme gialle in casa e bisogna portare una scatola riavvicinamento alla sinistra lasciata da componente direzione regionale su amichevole suggerimento del carissimo Peppino Avolio tu non sei adatto a fare il politico fino ad allora avevo visto il modo con cui la sinistra curava la crescita umana e culturale degli aderenti in tutti i modi ed utilizzando tutti gli strumenti allora a disposizione metodologie che ho poi ritrovato nella vita professionale e nel conseguimento del brevetto di pilotaggio studiare studiare ed ancora studiare sperimentare assistito e quando sei pronto vai da solo con le tue responsabilità '89 formazione alle Frattocchie per funzionari dell'Unione Sovietica che seguivano il corso sulla borsa con un orecchio teso alle notizie che arrivavano dal loro paese finalmente presentazione progetto scuola Frattocchie a botteghe oscure c'ero già stato trentacinque anni prima avevo diciotto anni ed ero venuto da napoli in terza classe allora esisteva con i sedili di legno per avere spiegazioni sulla mia espulsione dalla federazione giovanile non fui ricevuto questa volta invece fummo ricevuti io ed un collega un dirigente dietro una scrivania al telefono in una animata conversazione con un cenno ci indicò due sedie la conversazione animata durò almeno un quarto d'ora e così apprendemmo che il citato dirigente era appena tornato dalla Romania e stava illustrando al suo interlocutore all'altro capo del telefono i grandi affari che era possbile fare in quel paese acquistando a prezzi bassissimi castelli ed edifici vari oltre ad intere fabbriche in disarmo ecco i dirigenti del partito stavano diventando imprenditori enorme delusione confermata con la rinuncia a qualsiasi resistenza all'incombente capitalismo selvaggio e l'adesione acritica alla personalizzazione dei vari presidenti puttanieri del tipo kennedy e clinton

 

 

 

Giuseppe Monti

Senior Advisor, Former Partner IMC (Integral Management Consulting Zurigo), CMC (Certified Management Consultant): Esperienza consolidata (+ di 50 anni) in Formazione Manageriale, Marketing Internazionale, Internazionalizzazione, Business Plan, Marketing Strategico, Organizzazione, pianificazione ed implementazione di Balanced Scorecard, di BCP Business Continuity Management, di ISO 9001, 14001 e SA8000, Lean Organization per aziende Piccole, Medie e Grandi. Direttore di Caos Management. Vice Presidente Associazione Culturale Progetto Innestol. Collaboratore de Il Giornale delle PMI.  Public Profile. 
 http://www.linkedin.com/in/giuseppemonti


Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to LinkedIn

Commenti   

 
0 #3 Laura Lambiase Profeta 2018-10-08 05:50
Sì, sono venuti a dirci che la guerra era finita, ma noi non ci abbiamo creduto: siamo ancora qui , un po' troppo avanti con gli anni per la guerriglia armata, ma con ancora un cervello pensante.
Nai abbiamo sempre creduto che pe cambiare il mondo non bastasse una " buona politica" ma una base culturale molto solida. E' quello che stiamo cercando di fare? Basterà per combattere l'ignoranza, il cinismo e la disumanità ? In una parola " il neofascismo" imperante?
Intanto io continuo a scrivere per i miei 5 lettori.
Ciao
Citazione
 
 
+1 #2 Giuseppe Monti 2018-10-07 16:04
Siamo gli ultimi giapponesi?
Non ancora.
Forse si può ancora fare qualcosa.
Magari rottamando sul serio.
O almeno resistendo in questa fase di pre-fascismo.
Stammi bene Laura.
Citazione
 
 
+1 #1 Laura Lambiase Profeta 2018-10-05 05:25
Nel 1989 Berlinguer era morto da ben 5 anni.
Nel 1989 il mio PCI, Partito Comunista Italiano, già non esisteva più. Nel 1989 io ero con i compagni del PRC, nell'illusione che qualcosa delle idee del socialismo solidale, di quel comunismo delle lotte degli anni 60/70 fosse ancora vivo.
Ad un mio amico Renziano Doc che riteneva " Il sentimento rivoluzionario " una gran cavolata risposi che per noi giovani comunisti l'idea di "cambiare il mondo" era la sola ragione di vita. I partiti nati sotto l'ombra della quercia, con i vari stupidi nomi ed il legame con la Margheritina Cattolica sono serviti a cancellare quell'empito di Rivoluzione che muoveva il cuore e la mente di una grandissima parte del Paese. Ora siamo qui, ora sono qui ormai
avanti con gli anni ad ammirare la grande impresa dei nostri ex compagni di vita, divenuti piccoli, umili venditori di bibbie.
Un caro saluto
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna