Dalla Quantistica alla Bioquantica

 

 

Paolo Manzelli -Egocreanet Ngo Firenze . Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , 335/6760004

 

 

luster 
Ego 
C re a 
Net

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nasce la Quantistica con gli studi del:

1) Corpo NERO.

Max Plank  (1900)  Non esiste un corpo capace di assorbire tutta la energia come un Continuum ma l’assorbimento ha un andamento per quantità discrete delle QUANTI proporzionali alla frequenza delle onde di energia.

                                                    

E= n x hV   , dove  “n”  = serie di numeri Interi

 

                                                     

 

 

 

 

La quantistica venne interpretata da

2)  EQUAZIONE DI SCROEDINGER 1927

Suddivide arbitrariamente

il mondo Microscopico dal Mondo Macroscopico.

 

                                                           

 

 

 

La Equazione  di Schroedinger, dice che la conoscenza Quantistica rivela il suo Limite  quando la Onda (psy) tende a divenire simile ad una retta,  allora il risultato torna ad essere quello diventa dalla  meccanica Classica, indicata con l’Hamiltoniano  <H> che è  la Equazione di Newton (F= ma) descritta in modo generalizzato.

Questa equazione e nota come “Principio di Indeterminazione “ perché accetta che non sia possibile misurare contemporaneamente la Posizione e la Velocità di un corpo quantico, ma solo la loro probabilità relativa.  Ciò a causa della:

 

 

3)  “Simultaneità” della natura dei Quanti sia come onde non localizzabili che come particelle a carattere locale 

 

 

 

 

4) La Simultaneità di coesistenza tra Onda e Particella

 

                                         

 

 

 

 

<ONDA-PARTICELLA > dimostrazione di Thomas Young della simultaneità della doppia natura corpuscolare e di onda delle particelle quantiche (fotoni, elettroni, molecole).

 L’esperimento  dimostra che : L'energia si scambia per "quanti", un mondo e dove le onde possono divenire particelle e viceversa le particelle onde – 

                                                             

 

 

 

 

 

5) Il Principio di indeterminazione  contiene  il paradosso della Freccia di Zenone di Elea (circa 500) infatti : Non è possibile misurare contemporaneamente velocità e posizione della Freccia in quanto la Posizione non può’possedere  la natura del moto e quindi risponde ad una concezione del tempo lineare che non è  più quella “Cronos”, altresì  il moto diviene illusorio perché viene rappresentato da  una successione infinita di stati di posizione che al contrario del moto sono fermi.

 

 

→ → → Per superare questo permanente paradosso la MECCANICA -Quantistica  scelse di eliminare i problema ammettendo

che all'atto della misura locale si determinasse il :

 

6) il CRASH dell’ ONDA

                                                

 

 

 

 

Per effettuare la misura della posizione “locale" dei Quanti si deve ammettere che all’atto della misura avvenga il “collasso“  della onda associata cosi che il Dualismo tra onda e particella viene ridotto alla misura della probabilità di localizzare la posizione unicamente relativa  alla Particela, così come viene insegnato nella teoria dell’Orbitale Molecolare.

In tal modo rimane il dubbio che l’uomo scegliendo il tempo ne quale operare la misura abbia la effettiva possibilità di scegliere arbitrariamente quale  soluzione  dare al problema della natura della indeterminazione.

 

 

7) L’ Enigma della Meccanica-Quantistica; il GATTO DI SCHROEDINGER (1915 )

 

                                                                   

 

 

Il Gatto isolato nella gabbia e’ Vivo o Morto secondo la Probabilità della Meccanica Quantistica?  In risposta a un tale interrogativo …..

 

 

8) “Che cos'è la vita? “ Erwin Schrödinger, scisse nel 1944 un saggio sul tema:

 “Che cosa e la vita?" nel quale ammetteva che la vita non poteva appartenere a sistemi isolati trattati dalla Meccanica classica e/o  quantistica la vita e trattabile in termini della interazioni tra Mente e Materia e quindi viene a dipendere dalla evoluzione della Informazione consapevole acquisita.

Vedi: “Cosa e’ il pensiero?“

https://dabpensiero.wordpress.com/2011/09/10/cose-il-pensierodi-paolo-manzelli/

 

 

8 ) ENTANGLEMENT 

In seguito a tali riflessioni il Fisico Francese Alain Aspect (1981) realizza un esperimento che dimostra che la sovrapposizione di Onde e Particelle crea campi stesi di “energia ed informazione”  che vanno oltre al “principio di località della misura“ proprio in quanto trasmettono informazione a distanza.

 

ENTANGLEMENT  significa

INTRIGO tra Onda e Particella

e conduce al:

Superamento del principio del “tertium non datur“

come base della logica formale della ”Falsificazione”

 

                                                                    

 

 

 

L’Entanglement come doppia sovrapposizione di onde e particelle  genera il Campo Quantico il quale si estende quanto più è compenetrata la sovrapposizione.

Il campo quantico risultante, in tal modo diviene  capace di comunicazione simultanea a distanza  come e stato dimostrato sperimentalmente dal Fisico Francese Alain Aspect e successivamente da molti altri ricercatori nel mondo.

 

 

 

9) -DNA – ANTENNA piezoelettrica

(rice -trasmittente) basata in seguito agli

degli studi di Fritz Popp ed altri, sull’Entanglement Energia/Informazione

 

 

                                                         

 

 

 

 

La Doppia Elica del DNA possiede una asimmetria strutturale; quando il DNA viene aperto ed il RNA copia la sequenza genetica, il DNA si polarizza e si comporta come un semi-cristallo piezoelettrico. Pertanto ogni deformazione meccanica di livello nanometrico, conduce la doppia elica a emettere un campo elettrico, mentre viceversa ogni variazione della tensione elettromagnetica provoca il movimento del DNA che si svolge / riavvolge lungo la direzione indotta dal campo. Pertanto il DNA agisce come una antenna rice trasmittente che da un lato produce movimento meccanico e biofononi mentre dall'altra sezione emette capi elettrici in forma di biofotoni. <https://q1healthbiotechnology.it/il-dna/>

 

 

10)  Legami a Ponte di Idrogeno del DNA

 

                                                    

 

 

 

Ci sono 4.0  Tipi di Legani a idrogeno nel DNA più i 4.0 inversi dal lato opposto  della doppia elica che quando vengono rotti dal RNA e poi ri-sostituiti emettono quanti di Luce e Suoni, (Biofotoni e Bio-fononi). Questi ultimi similmente alla serie dell’onda sonora “do re mi fa sol la si do”, dove per  chiudere il ciclo, la Timina si trasforma in Uracile per l’aggiunta di un -CH3.

 

 

11) Biofotoni della Luce e Biofononi del Suono Quantico permettono la comunicazione del DNA nucleare e

mitocondriale nel sistema biologico.

 

                                                  

 

 

 

Le onde quantiche che sono trasformate dall’Entanglement codificano e trasmettono informazione con varie modalità probabili che interconnettono la informazione epigenetica a quella genetica per tramite alimentazione, acqua, luce, suono, e campi elettromagnetici.

Questa tipologia di studi di codificazione energia ed informazione e il tema più avanzato delle moderne ricerche sulle relazioni Bioquantiche della vita  tra Energia come Materia (EM ).

vedi Energia Vibrazionale (EV) ed Energia di Informazione (EI). http://www.caosmanagement.it/n62/art62_04.html

 

 

12)  Bìoquantica : la evoluzione della coscienza come relazione evolutiva

quantica tra MENTE e MATERIA

 

 

 

NB: il Cluster Egocreanet della NGO  di Firenze sviluppa e divulga la moderna Bioquantica delle scienze della, agendo da promotore del cambiamento della Coscienza scientifica, culturale e sociale.  Vedi il Web : http//www.egocrea.net .  

             data 
2 dtnensbonal 
ТЯ'АО'С - оиднтим - енеяоу 
х. угь.Ъ 
оог

 

Adesioni esostegno al Cluster EGOCREANET ONG in Firenze di Ricerca e Sviluppo 

 

 

 

 

Paolo Manzelli

Nato a Terni il 25/06/1937, Chimico Fisico (Laurea: Firenze 1967), Studioso della Chimica del Cervello sulla base delle relazioni tra Energia, Materia ed Informazione. Direttore del Laboratorio di Ricerca Educativa del Dipartimento di Chimica della Università di Firenze.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
http://www.chim1.unifi.it/group/education/, e Presidente della Associazione Telematica EGOCREANET; http://www.egocreante.it;
www.edscuola.it/lre.html;
www.wbabin.net;
http://www.descrittiva.it/CALIP/dna/DomandeRAI3.PDF
http://www.genitoridemocratici.it/htm/creatprg.htm;
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
dabpensiero.wordpress.com/;
www.globale.it


Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to LinkedIn

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna