LE MIE MANI, diario intimo di una vita

  

 

Le mani, con le quali ci laviamo, ci vestiamo, lavoriamo, mangiamo, facciamo l’amore,  tocchiamo e accarezziamo gli altri, accarezziamo noi stessi... senza di loro tutto diventa  più difficile!    

Dicono che nelle mani si vede la vera età della persona, e credo che sia proprio così.

 

 

 

Le mie sono diventate vecchie, quasi deformate, sgraziate, non più delicate come una  volta, ma sono ancora forti, mi permettono di fare tante cose che senza di loro non  riuscirei... fissare un bottone, riparare tante camicie, pantaloni, fare la maglia regalando capellini di lana per coprirsi il capo a chi voglio bene (ma anche a chi ne voglio un po’ meno...), sbuccio le patate, taglio l’aglio e la cipolla, ingredienti casalinghi e sostanziali    di una cucina.  Avrebbero anche voluto sfornare il pane, ma riesco solo a fare toast, ma con burro e marmellata per dare un sollievo all'anima allora del tè, o altre volte  preparano le fettine della “mela partita (condivisa)”,  che riesce anche lei a fare sentire  l’”altro” coccolato ed amato.  

 

Con le mie mani scrivo, a mano o grazie a una tastiera! 

Scrivo quello che vorrei e tante volte quello che non posso, riescono a trasformare in parola scritta pensieri che in nessuna altra forma riescono a esprimersi.  E anche lì, che  fatica! Tante lingue diverse, oramai un po’ mescolate, a volte un po’ storpiate, tante  consonanti una dietro all'altra e certe volte dove non dovrebbero. Il suono di tutte queste consonanti è diverso, al mio udito, secondo la lingua in cui sto pensando, come quando si sogna a colori o in bianco e nero. Perché? Chissà, non lo sapremo mai.  

 

E poi, le mani, sempre, possono  essere fonti di atti di bontà, o di cattiveria, possono  essere dolci e morbide o dure e testarde, come quando si tenta di fare passare con l’ago un filo molto grosso attraverso una tela spessa di un tessuto d’inverno. E d’inverni ce ne sono stati troppi! Tanti, pieni di ricordi, pieni di fili intrecciati che vanno conformando la tua vita.

  

E’ successo tutto per caso o sono io che ho scelto ogni volta l’indirizzo da seguire? Non c’è una risposta definitiva.  Mi è sempre sembrato che ci siano persone che hanno  progettato  la loro vita prima di averla vissuta, mentre, al contrario, a me pare che mi  siano successe cose che non avrei mai immaginato di vivere,  fatti,  persone,  avventure, dolori, allegrie, non cercate e arrivate certe volte come dal  misterio della  vita  stessa...  sono stata intelligente, sensibile? O sono stata sciocca, credendo a tante persone, nei confronti delle quali non avevo grande interesse, né loro nei miei, eppure se è andata  così ci sarà un perché.  

 

Non avere rimpianti sarebbe stupido, poco intelligente e saggio, ma pensare di aver  potuto fare diversamente, cambiare la pellicola mentre la stanno proiettando, potrebbe piacere a tanti,  e probabilmente piacerebbe anche a me.

  

Le mani, sempre le mani... 

Porto con orgoglio l’anello che era di mia madre, grande, antico, prezioso, come per me è la mia famiglia e non me ne disfarei mai per nessun motivo, è parte di me!

Come lo è quell'altro anello piccolo piccolo, altrettanto bello e delicato, che nella foto quasi non si vede! Mai anello fu regalato con tanto amore e devozione, in un  momento  nel  quale le  nostre  vite  stavano  cambiando,  lasciando un mondo per un altro,  tutto  diverso, tutto strano, tutto lontano da noi, ma  che  ci faceva  sentire  ancora  più  vicini. Neanche di lui potrei disfarmi.

E quella pietra di lapislazzuli del Cile,  azzurra come il cielo del mio paese, intenso, che rivedo insieme alle cime delle montagne limpide e orgogliose, che denotano le mie origini, che danno un piccolissimo segnale, ma che dentro di me è molto  più  grande  e  forte di quello che avrei mai pensato. 

 

Con queste mani ho amato il mio uomo, accarezzato mia madre, abbracciato mio padre, ho tenuto in braccia mio figlio neonato, ho cercato di consolare chi se ne andava, ho rallegrato chi restava, preparato un po’ la vita.

 

 

Si vedono più vecchie? Certo, lo sono, e stanno sempre con me.

 

 

Marisol Barbara Herreros

Cilena di nascita nazionalizzata italiana, con più di 30 anni di esperienza in marketing, vendita e relazioni pubbliche (fatto anche la dogsitter a Londra, vissuto in una houseboat sul Tamigi e la receptionist di un grande albergo a Santiago, tra altre cose). Viaggiato un po', vissuto stabilmente in Santiago del Cile, Quito, Londra e Roma. Responsabile della Redazione di Caos Management. Direttore di GEManagement Ltd. Presidente Associazione Culturale Progetto Innesto.

 https://www.linkedin.com/in/barbaraherreros

 


Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to LinkedIn

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna