Richard Nixon era per il reddito di cittadinanza

 

 

Good evening my fellow Americans:

…..................  Since taking office, one of my first priorities has been to repair the machinery of government, to put it in shape for the 1970’s. …........... I, therefore, propose that we will abolish the present welfare system and that we adopt in its place a new family assistance system.  

 

Buonasera ai miei concittadini americani:

.....................  Da quando ho assunto l'incarico, una delle mie prime priorità è stata quella di riparare i macchinari del governo, per metterlo in forma per gli anni '70. .............. Propongo pertanto di abolire l'attuale sistema di welfare e di adottare al suo posto un nuovo sistema di assistenza familiare.  ...

 

Richard Nixon, che fu costretto a dimettersi dopo lo scandalo Watergate nel 1974, era pronto, nel 1969, a varare il reddito di cittadinanza senza condizioni per tutte le famiglie povere. Intendeva passare alla storia come grande riformatore ed era convinto di poter salvare milioni di poveri e strappare una vittoria decisiva nella guerra alla povertà. 

Nixon riteneva che il reddito di base fosse il definitivo incontro tra politica conservatrice e progressista.

Naturalmente il progetto fu avversato violentemente e  Martin Anderson, consigliere del presidente, consegnò a Nixon un rapporto di sei pagine che gli fece cambiare idea.

Questo rapporto  era quasi interamente composto da citazioni tratte dal classico di Karl Polanyi "La grande trasformazione" (1944).  Polanyi descrive uno dei primi sistemi di previdenza sociale al mondo, noto come sistema Speenhamland, risalente ai primi anni dell’Ottocento inglese. Il giudizio su questa iniziativa era pesantemente negativo. Non solo essa invitava il povero a essere ancora più ozioso, riducendone la produttività, ma minacciava le basi stesse del capitalismo. “Introdusse un’innovazione economica e sociale assimilabile al ‘diritto di vivere’, e fino alla sua abolizione nel 1834 impedì, in pratica, l’implementazione di un mercato concorrenziale del lavoro,” questa era la conclusione.

Alla fine Speenhamland sfociò nella “pauperizzazione delle masse” che,  rischiarono di perdere la loro qualità umana”.

Nixon, che sognava di passare alla storia come leader progressista, accettò lo stereotipo che risaliva all’Inghilterra dell’Ottocento: il mito del povero pigro, si convinse ed inserì nel progetto delle clausole condizionanti che lo fecero fallire.

Di quello che era successo veramente 150 anni prima a Speenhamland  ci occuperemo in altra occasione. Basti qui dire che il report consegnato a Nixon non era del tutto veritiero.

Il reddito di cittadinanza (basic income) non l'aveva ideato Nixon certamente. In effetti la soluzione reddito di base è stata studiata e, come vedremo, anche sperimentata con differenti modalità ed emendamenti in diverse epoche e paesi.

 

A  Speenhamland nel 1795, nel sud dell'Inghilterra, dopo la Rivoluzione Francese che infiammava le masse, con il prezzo del grano che cresceva, la soluzione non poteva essere altra che dare una paga mensile a tutti indistintamente e senza condizioni. Questo per superare la legge  della regina Elisabetta I (1558-1603), la Poor Law che aveva introdotto due forme di assistenza, una per i poveri anziani, bambini e disabili e un’altra per coloro che dovevano essere costretti a lavorare e quindi venduti ai proprietari terrieri.

In generale nelle economie capitaliste le persone ottengono denaro per acquistare le cose di cui hanno bisogno dando in cambio il proprio lavoro. Il sistema, semplificando, funziona fino a quando per qualche motivo, progresso tecnologico, modifica mercati, la domanda diminuisce e cresce il numero dei disoccupati. Questi ultimi hanno meno possibilità di acquistare i beni necessari. La debolezza della domanda dei consumi porta a una ulteriore crescita della disoccupazione, nonché a minori investimenti nel capitale umano e nelle attrezzature, e può prendere piede un circolo vizioso.

Diversi  economisti hanno affrontato questo problema ed attualmente molti di loro  hanno proposto la stessa soluzione: dare soldi alle persone. Il governo distribuisce ogni anno una quantità uguale di denaro a tutti, senza alcun controllo ed alcuna distinzione.  Questa modalità di "reddito di base", risolve il problema di quelli che non possono guadagnarsi da vivere offrendo il proprio lavoro. Il reddito di base garantisce a tutti uno standard di vita minimo. Se le persone vogliono migliorarlo lavorando, investendo, avviando un'impresa o svolgendo una qualsiasi delle altre attività certamente possono, pagando le tasse regolarmente. Se le persone decidono di non svolgere alcuna attività remunerante saranno comunque consumatori.

Il concetto di reddito di base  ha una storia relativamente lunga. Uno dei  primi sostenitori del reddito di base  fu l'attivista politico inglese-americano Thomas Paine, che sostenne nel suo opuscolo del 1797 "Agrarian Justice" che a tutti dovesse essere data una somma forfettaria di denaro al raggiungimento dell'età adulta per compensare il fatto ingiusto che alcune persone fossero nate in famiglie di proprietari terrieri mentre altri no.

I sostenitori successivi includevano il filosofo Bertrand Russell e il leader dei diritti civili Martin Luther King, Jr., che scrisse nel 1967: "Ora sono convinto che l'approccio più semplice si dimostrerà il più efficace - la soluzione alla povertà è abolirla direttamente da un misura ora ampiamente discussa: il reddito garantito. ” (Martin Luther King, Jr., "Where Do We Go from Here: Chaos or Community?" (New York: Harper & Row, 1967)

Molti economisti sia di sinistra che di destra sono d'accordo con King. I liberali tra cui James Tobin, Paul Samuelson e John Kenneth Galbraith e conservatori come Milton Friedman e Friedrich Hayek hanno tutti sostenuto garanzie di reddito in una forma o nell'altra, e nel 1968 più di 1.200 economisti hanno firmato una lettera a sostegno del concetto indirizzata agli Stati Uniti Congresso. (Jyotsna Sreenivasan, "Poverty and the Government in America: A Historical Encyclopedia", 1st ed. (Santa Barbara, CA: ABC-CLIO, 2009))

Il repubblicano Richard Nixon, tentò durante il suo primo mandato di convertirlo in legge. In un discorso del 1969, come abbiamo detto,  propose un Piano di assistenza familiare molto simile ad un programma di reddito di base. Il piano aveva un  sostegno abbastanza ampio,  ma  anche  un ampio ed agguerrito gruppo di oppositori. (“WGBH American Experience . Nixon | PBS,” American Experience)   Al momento della sua campagna di rielezione del 1972, Nixon aveva abbandonato il Piano di assistenza familiare.

 

Concludendo, per ora.

Il reddito universale di base, senza condizioni e controlli, viene considerato utopistico. Abbiamo già pubblicato qualcosa sull'argomento (v.Protopia) ma forse vale la pena ribadire alcuni concetti. E' chiaro che molti degli elementi che diamo per scontati oggi erano utopici  non molto tempo fa, l'abolizione della schiavitù, la tassazione del reddito personale, il suffragio universale, l'istruzione universale gratuita e l'esistenza dell'Unione europea. L'utopia del reddito di base  faciliterebbe molti altri cambiamenti utopici. Sosterrebbe la realizzazione di molte idee, sia individuali che collettive, sia locali che globali, che si trovano sempre più schiacciate sotto la pressione della competitività imposta dal mercato.

Nel 1949, uno dei principali padri intellettuali del "neoliberalismo", Friedrich Hayek scrisse: "La lezione principale che il vero liberale deve imparare dal successo dei socialisti è che è stato il loro coraggio di essere utopici che ha guadagnato loro il sostegno degli intellettuali e quindi un'influenza sull'opinione pubblica che è ogni giorno rendendo possibile ciò che solo di recente sembrava del tutto remoto". La lezione che Hayek ha imparato dai socialisti, ora dobbiamo imparare da lui: "Dobbiamo rendere la costruzione di una società libera ancora una volta un'avventura intellettuale, un atto di coraggio.”

Deve essere  tutto ciò che ci libera dalla dittatura del mercato. Naturalmente per realizzare una società veramente libera non può essere sufficiente istituire un reddito di base incondizionato. Ugualmente importanti sono l'assistenza sanitaria e l'istruzione di base universali, l'apprendimento permanente, l'accesso universale a informazioni di qualità su Internet.

 

Appendice

Negli ultimi anni ci sono stati alcuni esperimenti, in alcuni comuni dei Paesi Bassi, in Barcellona in Spagna, la città degli Stati Uniti di Stockton in California, la città brasiliana di Marico, e la provincia di Gyeonggi nel sud della Corea.

 

 

Mrs. Aino-Kaisa Pekonen

Un esperimento di reddito di base di due anni è stato effettuato in Finlandia nel 2017-2018. Lo studio di valutazione è ora disponibile. Riportiamo di seguito alcuni risultati ufficiali disponibili in rete.

– L'esperimento sul reddito di base ha fornito preziose informazioni sulle possibilità del sistema di sicurezza sociale. Le informazioni fornite dall'esperimento possono essere utilizzate anche per riformare il sistema di sicurezza sociale, afferma Aino-Kaisa Pekonen, Ministro degli Affari Sociali e della Salute.

 L'esperimento finlandese sul reddito di base è stato il primo esperimento di reddito di base al mondo che è stato a livello nazionale, statutario e basato su un esperimento sul campo randomizzato. La partecipazione all'esperimento non è stata volontaria, il che significa che è possibile trarre conclusioni più affidabili degli effetti dell'esperimento rispetto ad altri esperimenti basati sulla partecipazione volontaria.

– L'attuazione dell'esperimento ha avuto successo e ha fornito nuove informazioni che non sarebbero state disponibili senza l'esperimento. Ha anche dimostrato che in Finlandia l'organizzazione di ampi esperimenti sociali è possibile da un punto di vista legislativo, afferma Olli Kangas, capo programma presso il Consiglio strategico della ricerca, Accademia di Finlandia.

 Nell'esperimento sul reddito di base, 2.000 disoccupati sono stati pagati un reddito di base mensile esentato di 560 euro, indipendentemente da qualsiasi altro reddito che possono avere avuto o se erano attivamente alla ricerca di lavoro. I beneficiari del reddito di base sono stati selezionati attraverso il campionamento casuale tra coloro che nel novembre 2016 hanno ricevuto un sussidio di disoccupazione da Kela. Il gruppo di controllo era composto da coloro che nel novembre 2016 hanno ricevuto un sussidio di disoccupazione da Kela, ma non sono stati selezionati per l'esperimento.

 L'esperimento è iniziato il 1o gennaio 2017 e si è concluso il 31 dicembre 2018. La decisione di condurre l'esperimento è stata presa dal governo dell'allora primo ministro Juha Sipil. L'obiettivo era studiare come sarebbe stato possibile rimodellare il sistema di sicurezza sociale finlandese in modo che risieta meglio le sfide poste dai cambiamenti nella vita lavorativa. L'esperimento è stato realizzato da Kela (l'Istituto di previdenza sociale della Finlandia).

 Conformemente al piano preliminare di valutazione, gli effetti occupazionali dell'esperimento sul reddito di base sono stati misurati per il periodo da novembre 2017 a ottobre 2018. Il tasso di occupazione dei beneficiari del reddito di base è leggermente migliorato in questo periodo che per il gruppo di controllo. Durante il periodo di riferimento, il reddito di base ha aumentato il numero di giorni di lavoro di 6 giorni e i beneficiari del reddito di base sono stati occupati in media per 78 giorni.

 I beneficiari del reddito di base avevano una percezione di un migliore benessere mentale ed economico.

 Gli effetti dell'esperimento sul reddito di base sul benessere sono stati studiati attraverso un'indagine che è stata fatta per telefono poco prima della fine dell'esperimento.

 Gli intervistati che hanno ricevuto un reddito di base hanno descritto il loro benessere in modo più positivo rispetto agli intervistati del gruppo di controllo. Erano più soddisfatti della loro vita e sperimentavano meno tensione mentale, depressione, tristezza e solitudine. Avevano anche una percezione più positiva delle loro capacità cognitive, cioè la memoria, l'apprendimento e la capacità di concentrazione.

– Inoltre, gli intervistati che hanno ricevuto un reddito di base avevano una percezione più positiva del loro reddito e del loro benessere economico rispetto al gruppo di controllo. Essi erano più propensi a scoprire che la loro situazione finanziaria è gestibile e che sono protetti finanziariamente, dice Minna Ylik nn, capo del team di ricerca a Kela (l'Istituto di previdenza sociale della Finlandia).

 

 I beneficiari del reddito di base si fidavano di altre persone e delle istituzioni della società in misura maggiore ed erano più fiduciosi nel proprio futuro e nella loro capacità di influenzare le cose rispetto al gruppo di controllo. Ciò può essere dovuto al fatto che il reddito di base è incondizionato, che negli studi precedenti è stato visto aumentare la fiducia delle persone nel sistema.

 Sulla base dello studio, non è possibile dire con certezza che il miglior benessere del gruppo di prova era dovuto specificamente al ricevimento di un reddito di base. Inoltre, gli esperimenti regionali e locali sul reddito di base in altri paesi hanno anche mostrato risultati simili di miglioramento del benessere.

 Per alcuni l'esperimento ha offerto nuove opportunità di partecipazione alla società, ad esempio attraverso il volontariato o l'assistenza informale. Molti intervistati hanno affermato che il reddito di base ha rafforzato il senso di autonomia. Anche se le descrizioni degli effetti del reddito di base erano nel complesso abbastanza positive, per alcuni l'esperimento aveva anche creato pressioni per trovare un lavoro e difficoltà con la capacità di far fronte.

 

 Il reddito di base sembra aver aumentato l'attività di diversi tipi tra coloro che erano attivi già prima. Poi di nuovo, per coloro che erano in una situazione di vita impegnativa prima dell'esperimento, il reddito di base non sembra aver risolto i loro problemi.

 

Giuseppe Monti

Senior Advisor, Former Partner IMC (Integral Management Consulting Zurigo), CMC (Certified Management Consultant): Esperienza consolidata (+ di 50 anni) in Formazione Manageriale, Marketing Internazionale, Internazionalizzazione, Business Plan, Marketing Strategico, Organizzazione, pianificazione ed implementazione di Balanced Scorecard, di BCP Business Continuity Management, di ISO 9001, 14001 e SA8000, Lean Organization per aziende Piccole, Medie e Grandi. Direttore di Caos Management. Vice Presidente Associazione Culturale Progetto Innestol. Collaboratore de Il Giornale delle PMI.  Public Profile. 
 http://www.linkedin.com/in/giuseppemonti


Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to LinkedIn

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna