Vaccini digitali contro il COVID-19

 

la Realtà Aumentata al servizio delle aziende e degli operatori sanitari

 

Sappiamo bene come la pandemia dovuta al COVID-19 stia incidendo sia sulle nostre vite personali che sull’attività lavorative e professionali. Molti Paesi hanno attività tutta una serie di norme tese a limitare fortemente il modo in cui ci si può relazionare e il modo in cui si può lavorare. Le aziende si son dovute attrezzare molto velocemente per digitalizzarsi sia per evitare la cessazione della propria attività che per limitare i danni dovuti a questa pandemia.


 

Il Covid-19 ha cambiato per sempre i termini in cui lavoriamo e come lavoriamo. Le tecnologie digitali sono intervenute a sostegno di tutta una serie di attività come l’istruzione, gli acquisti e i relativi pagamenti, il lavoro agile, l’assistenza in remoto, l’intrattenimento. Vediamo come in particolare le realtà aumentata (una delle chiavi direttrici di Industria 4.0) può sostenere la continuità del business nonostante la pandemia.

Le misure di distanziamento sociale ci impediscono di viaggiare e di avere così dei normali incontri di lavoro. Lo stesso lavoro agile impatta fortemente sulla conduzione degli affari, sulla gestione delle operazioni e sull’intervento stesso di fornire formazione. E proprio la mancanza di formazione in presenza e di addestramento su prodotti e processi rallenta notevolmente l’aggiornamento delle competenze del personale. Sconvolta dal Covid-19, la catena di approvvigionamento (supply chain), il processo che permette di portare sul mercato un prodotto o servizio, trasferendolo dal fornitore fino al cliente, ha la necessità che i processi di produzione e di approvvigionamento diventino più flessibili per garantire la continuità della produzione.

Bisogna considerare anche l’avversione tra i lavoratori a toccare superfici e oggetti che potrebbero essere stati toccati da altri. Per affrontare tutto questo sono necessari strumenti e modalità di lavoro innovativi e che possano, non solo attenuare le difficoltà suddette, ma offrire nuove opportunità all’azienda di migliorare i propri processi di business processi industriali in ambito dell’Industria 4.0. Con questo termine intendiamo il ruolo chiave che l’elaborazione delle informazioni ha ai fini della rapidità dell’adattamento dei processi organizzativi. Più velocemente l’organizzazione riesce ad adattarsi a un evento che modifica le circostanze, maggiori sono i benefici dell’adattamento.


 

Saper integrare tecnologie innovative come la Realtà Aumentata (RA) può migliorare le condizioni di lavoro, creare nuovi modelli di business e aumentare la produttività e la qualità produttiva degli impianti.

Le restrizioni imposte dalla pandemia non permettono, p.es, ai tecnici di operare sul posto e di far funzionare, manutenere ed eventualmente riparare le macchine. Grazie alla RA possiamo operare in remoto in modo più efficiente e sicuro contestualizzando le informazioni che ci vengono fornite sovrapponendosi al mondo reale tramite l’utilizzo di uno smart phone, un tablet o gli smart glasses, aiutandoci così a risolvere queste problematiche in modo rapido ed efficiente riducendo oltremodo i tempi di fermo macchina.



 

Per quanto riguarda l’avversione in questo periodo di pandemia a toccare superfici ed oggetti che potrebbero essere stati toccati da altri, c’è da sottolineare che una delle principali caratteristiche della RA è quella di sovrapporre un’interfaccia digitale su macchine e apparecchi che possono avere un’interfaccia limitata o addirittura inesistente. L’operatore tramite gesti manuali e/o comandi verbali è in grado così di interagire con la macchina senza aver bisogno di toccarla fisicamente.


Nel caso degli operatori sanitari, questa applicazione della realtà aumentata riduce notevolmente il contatto fisico tra medico e paziente, pur consentendo allo stesso medico di poter comunicare con i colleghi al di fuori dell’area di trattamento del COVID-19. Un medico con visori per la RA può interagire con contenuti medici come radiografie, scansioni o risultati di test utilizzando i gesti delle mani o con i comandi vocali, mentre gli partecipano alla consultazione da un luogo sicuro. In questo modo il medico si trova a lavorare in modo igienico e controllato. Non ha la necessità di toccare nulla per avere i dati davanti agli occhi o controllare determinati processi.

Un altro aspetto rilevante è che la RA può anche essere impiegata per la formazione dei professionisti del settore medico, fornendo metodi altamente efficienti e interattivi in grado di snellire il processo di apprendimento di nuove attrezzature e di eventuali nuove procedure. Questo è di fondamentale importanza quando il personale esperto non è presente per motivi vari e i sostituti devono essere addestrati il più rapidamente possibile.


Come abbiamo visto in questo breve articolo la RA può supportare in modo sostanziale le organizzazioni e le imprese ad innovare i propri modelli di business e, per quanto riguarda il medico, quello rendere più efficaci e sicure le procedure in questo campo.

 

 

Mirko Compagno

Innovation Manager MISE – Sistemi di visualizzazione, Realtà Aumentata e Realtà Virtuale. Chief Technology & Innovation Officer di THE ROUND (theround.it), da 25 anni è nel settore delle tecnologie digitali. Medaglia del Presidente della Repubblica all’evento “Quantum Art and Augmented Reality” (2013), in collaborazione con IWA Italy ha redatto le specifiche del profilo professionale “Augmented Reality Expert”. Attualmente è responsabile delle attività di ricerca e sviluppo degli XR Labs di IMW presso il Tecnopolo Tiburtino. Oltre a definire le roadmap tecnologiche trasversalmente a tutti i business dell'azienda, si occupa di sistemi integrati di extended reality e machine learning per i processi industriali in ambito dell’Industria 4.0.  Mob.: 347 1051613 - email:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 


Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to LinkedIn

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna