Come farsi assumere da Google

Laslo Block, “senior vice president of people operations” di Google – è già il titolo la dice lunga sulla filosofia dell’azienda – spiega in un’intervista comparsa di recente sul New York Times, quali siano i requisiti per lavorare da Google o, meglio, le caratteristiche che Google ricerca durante i colloqui di assunzione. Va premesso che la percentuale di impiegati di Google senza alcuna formazione universitaria è salita negli ultimi anni al 14%, e ciò in un’America che ancora non esita a indebitarsi fino al collo per una laurea con il “bollino blu” in una delle Ivies, le otto più prestigiose Università americane: Brown, Columbia, Cornell, Darmouth, Harvard, Princeton, Penn e Yale.

Bock spiega che il diploma universitario passa in secondo piano nei criteri di valutazione, sostituito invece da un rosa di cinque valori chiave.

Criterio prioritario è l’attitudine all’apprendimento: non conta tanto quanto si è imparato in passato, ma quanto si è capaci di imparare in futuro. Essenziale, secondo Block, è la capacità di elaborare informazioni, abilità che viene appunto valutata secondo test specifici e analisi comportamentali.

Al secondo posto vi è la leadership intesa però in chiave moderna: “emerging leadership”. Al selezionatore di Google interessa capire se, di fronte a un problema che il gruppo non riesce a risolvere, il candidato sia capace di “emergere” con una soluzione originale; ma, ancor più importante, interessa vedere, se all’emergere di un’ulteriore soluzione migliorativa, il candidato leader sia capace di farsi da parte.

 

 

Immediatamente correlati alla “emerging leadership”, sono il criterio dell’umiltà e del senso di responsabilità: sapersi tirare indietro al momento opportuno e fare posto a portatori di idee alternative consente di trovare le soluzioni migliori a cui ciascuno in questo modo contribuisce, indipendentemente dall’affermazione personale. Può sembrare scontato, ma non lo è, specie nella Corporate America, quella dei grandi e potenti gruppi dove per anni la parola d’ordine è stata concorrenza spietata all’interno e all’esterno dell’azienda.

Il concetto di umiltà è anche strettamente legato alla capacità di apprendimento di cui sopra: senza umiltà intellettuale è impossibile imparare. Bock fa notare come le prove attitudinali elaborate da Google spesso provano come i laureati delle grandi Università a volte manchino di questa umiltà: se le cose funzionano, lo attribuiscono al proprio talento; se qualcosa va storto è perchè qualcun altro ha sbagliato o non ha capito o le risorse non erano adeguate. La sfida maggiore, secondo Bock, è trovare persone dalla personalità forte che sappiamo anche farsi piccole.

Il quinto criterio, importante ma solo in modo marginale, è costituito dalla “expertise”: più che le competenze, per essere assunti da Google, conta la capacità di diventare esperti anche su materie poco familiari. Secondo Bock, a Google conviene mettere in conto qualche errore dovuto alla mancanza di esperienza, e assumere persone dalle capacità di cui sopra, piuttosto che cercare di limitare i rischi assumendo “esperti” che però poi non sanno adattarsi facilmente a nuove eventuali mansioni. Anche in questo caso, il valore dirompente delle osservazioni di Bock va misurato tenendo conto dell'opposta cultura americana ancora dominante della specializzazione estrema.

Va detto, a onor del vero, che Google attrae quotidianamente talenti e si può permettere di rischiare assumendo secondo criteri non convenzionali. Ma per Bock è una certezza che in una società e in un’economia sempre più protesa verso l’innovazione, le persone capaci di gestire con serenità il cambiamento siano le uniche a offrire garanzie di successo nel lungo termine.

Sempre più le “soft skill” saranno determinanti nel fare la differenza: leadership corredata da una buona dose di umiltà e di spirito di collaborazione associato a capacità di adattarsi, curiosità e voglia di imparare. Genitori, educatori e dirigenti delle nostre parti dovrebbero fare  tesoro di queste osservazioni d’oltre oceano per cominciare a riflettere su un sistema universitario che espande esageratamente l’adolescenza e un clima aziendale paternalistico e gerarchico che premia il conformismo e l’ossequio.

 

 

 

Laura del Vecchio

Due lauree, Giurisprudenza con tesi in Economia a Roma e Commercio Internazionale a Le Havre; due specializzazioni, in Economia dei mercati asiatici e in Comunicazione; due esperienze “in azienda” come export manager per Fiat Auto Japan e per Danone; due esperienze “di penna” al quotidiano economico “Nikkei” e all’ISESAO della Bocconi: un “saper scrivere e far di conto” che ha finito per trovare buon uso all’Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nata il 13 settembre del 1968: da poco compiuti... due volte vent’anni.


Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to LinkedIn

Commenti   

 
0 #1 Laura Lambiase Profeta 2014-04-02 06:45
Umiltà, spirito di collaborazione e adattamento, curiosità e voglia di conoscere e imparare.
Questi sono gli ingredienti della Genialità.
Mister Bock considera tali persone merce abbastanza comune, ma non è così, almeno non lo è in Italia.
La nostra cultura cattolica con gli antichi dinieghi e divieti sempre più alimenta persone insicure, incapaci di adattarsi, di collaborare e di imparare.
E' molto bello pensare a come sarebbe il mondo ,
oltre che Google, se il principio di Bock diventasse "pensiero comune".
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Archivio riviste precendenti al n80

la rivista nel suo vecchio formato in xhtml)