Archivio Riviste

 

Rendere il miglioramento organizzativo attraverso la  teoria dei giochi  è un qualcosa che mi ha affascinato fin dal momento che ho visto il film ”a beautiful mind”.

Rafforzando ed aprendo nuove strade dopo aver letto alcuni scritti di John Forbes Nash, colui che è stato ad oggi il migliore teorico dell’applicazione della teoria dei giochi alla soluzione di problematiche reali. 

Per ogni organizzazione od essere vivente spesso vi sono complesse o semplici strategie applicabili per competere nella realtà contemporanea, definire la “giusta”, “migliore” strategia significa per l’organizzazione o un individuo poter raggiunger IL risultato, un RISK MANAGEMENT ante litteram.

“Giocando”, ma non troppo, si può cercare di eliminare, ridurre o gestire le variabili che possono venire a generarsi nei normali processi di gestione organizzativa cercando di indirizzarsi verso risultati pianificati, “casualità efficiente”.

 

 

 

Giocare si, ma seriamente come spesso fanno i bambini:

“…..se c’è un bambino che sta facendo una costruzione per esempio…..LEGO…..E’ SERISSIMO….”

Le molteplici variabili che agiscono sulle organizzazioni sono diverse: Clienti, fornitori, banche, mercato e via di seguito, quindi diventa  strategico definire e fissare in maniera precisa quale sarà il migliore equilibrio da tenersi nel “gioco”.

Spiegare gli obiettivi e pianificare, progettare il processo migliore al fine di ridurre al massimo le “interferenze” che possono generarsi sia da clienti interni l’organizzazione che dall’esterno. 

Il miglioramento continuo  allora è il viaggio da principiare:

miglioramento nella gestione dei futuri probabili rischi, simulando  i diversi scenari ed esaminandone i possibili risultati.

Il miglioramento continuo o/e riduzione del rischio attraverso la teoria dei giochi, in ultimo è cercare di determinare quale sia il miglior punto di equilibrio, quale sia il vero rischio “tollerabile” tra tutte le opzioni (processi) applicabili all'interno dell’organizzazione.

In ultimo ma non meno importante spesso trovo curioso, quasi inspiegabile, che sistemi complessi si vengano “inspiegabilmente“a contrastare con la legge dell’entropia.

“Se ben si osserva questo ultimo pensiero, però, ci fa ben sperare, alla fine: Il Diverso Incomprensibile Ordine tenderà a prevalere”, sembra quasi naturalmente con una riduzione del rischio “ordinata”.

 

Gianluca Gaggioli

Coniugato, con tre figli tutti nati a breve distanza. Da oltre quindici anni lavora nel ambito ferroviario medicale ed automazione industiale nel ruolo di "Assicurazione Qualità e dei Sistemi per la Gestione della Qualità". Competenze specifiche: Gestione della Qualità Secondo le Normative EN ISO 9001, COCS 30.5/DT Trenitalia, Schemes Entities in Charge of Maintenance (ECM), ISO 31000, SGSL, OT24, MOG, EN ISO 13485, IRIS (International Railway Industry Standard), Six Sigma, Kaizen, Auditor Sistemi Qualità Certificato 19011 1a / 2a Parte (Audit interni e fornitori) e Abilitazione Formatore RSPP ASPP, dal 2008 attività di consulenza aziendale in materia di Sicurezza sul Lavoro; DVR, POS, DUVRI, Progettazione piani per la sicurezza (organizzazione e gestione corsi lavoratori); da Giugno 2011 Editor in Chief di Organizzazione Qualità da Marzo 2012 nuovo Responsabile Sistema Gestione Qualità. http://organizzazione-qualita.com/


Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to LinkedIn

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Archivio riviste precendenti al n80

la rivista nel suo vecchio formato in xhtml)

Registrazione al tribunale di Roma N° 3/2004 del 14/01/2004

Registrati