Archivio Riviste

 

L’esperienza pregressa, nella sua totalità, è l’insieme ordinato all’interno del quale noi analizziamo il presente. Le nostre precedenti esperienze funzionano come griglie metaforiche attraverso le quali noi riusciamo a comprendere il nuovo, sia il completamente nuovo, sia una forma nuova di una precedente esperienza.

Le metafore ci portano a comprendere una determinata cosa con riferimento a un’altra. In pratica non possiamo conoscere il presente se non con riferimento a qualcos’altro. Interpretare la realtà dipende, dunque in massima parte, dall’uso delle metafore.
Le espressioni metaforiche sono presenti ovunque in forma di figure retoriche.
Noi interpretiamo la realtà con un insieme di concetti che selezionano sia ciò che possiamo conoscere sia come possiamo comprendere una determinata cosa. E’ dunque l’alternanza delle metafore che ci consente di individuare il modo in cui la vita umana assume significati diversi.

Per elaborare un’analisi dettagliata di qualsiasi realtà sociale, organizzazioni incluse, dobbiamo adottare metafore pertinenti.
Il teatro è una metafora che consente uno specifico discorso concettuale sull’agire organizzativo. Il modello teatrale contiene in modo amplificato le principali incognite e preoccupazioni di ogni struttura sociale.
Il comportamento organizzativo, così come la creazione di uno spettacolo teatrale, è una continua costruzione di senso orientata all’altrui fruizione e comprensione, la drammatizzazione di un ritualismo condiviso. La struttura della vita organizzativa è un insieme di rappresentazione rituale e di occasioni di consapevolezza umana equivalente alla struttura dello spettacolo teatrale.

Lo spazio e l’ambientazione nelle organizzazioni sono insiemi ordinati all’interno dei quali ogni persona recita la propria parte.
Il teatro, interpretando la realtà attraverso la costruzione e la rappresentazione di metafore, utilizza processi organizzativi che non consentono compromessi di sorta. Infatti, ogni attore teatrale deve riuscire a interpretare, immedesimandosi completamente con esso, il ruolo che il copione, e la conseguente analisi testuale e significazione contenutistica e formale del regista, gli assegna, e soltanto quello, lasciando in camerino o dietro le quinte qualsiasi altra possibile interpretazione soggettiva.
Al contrario, i comportamenti degli attori organizzativi possiedono raramente la ricchezza di capacità tecnica e di rigore metodologico del regista e degli attori, non riuscendo così a sfruttare pienamente le possibilità raggiungibili attraverso il teatro.





Quando calcano le scene di un’organizzazione, la maggior parte delle persone, anziché limitarsi a interpretare il ruolo loro assegnato, rappresentano il copione in modo soggettivo, vanificando in tal modo l’altrui comprensione.
L’osservazione delle realtà organizzative attraverso un paradigma teatrale ci consente così di adottare tutto ciò che il teatro, in quanto arte della rappresentazione, contiene.
Il modello teatrale applicato alla vita organizzativa è uno strumento fondamentale per rivelare e smascherare la natura artificiale dei comportamenti lavorativi.
I fattori essenziali che generano l’autoconsapevolezza umana sono anche regole convenzionali della rappresentazione teatrale. Di conseguenza, l’autoconsapevolezza umana è, di fatto, consapevolezza teatrale.

La figura chiave nella costruzione di senso nelle organizzazioni, nell’offrire copioni e sottotesti convincenti, nel guidare la rappresentazione, è il manager. Le organizzazioni, come il teatro, sono quasi sempre l’arena interpretativa del manager, così come del regista. Successo e fallimento dipendono dalle loro scelte in fatto di azione e interpretazione; ma, non visibili alle loro spalle, scopriamo altre scelte, quelle in forza delle quali i manager e i registi sono la primaria fonte di ispirazione sottotestuale della loro organizzazione.
La direzione e i collaboratori si trovano spesso in contrapposizione nell’estendere o restringere la griglia metaforica che il lavoro offre. I conflitti in ambito organizzativo non devono pertanto essere percepiti come un’aberrazione, ma come un ordinario e naturale confronto per difendere il proprio ruolo e conquistarsi la propria parte di risorse limitate e pregiate.

Un’organizzazione sociale deve preoccuparsi di garantire condizioni in cui ogni attore conosca l’importanza del proprio ruolo e del proprio operato; deve creare una partitura registica, una costruzione di senso orientata all’altrui fruizione e comprensione, che sia in grado di indicare e di esprimere pienamente le attitudini e le capacità degli attori organizzativi; deve assumere manager che siano in grado di formare e guidare i collaboratori e di esercitare una leadership democratica.


L’adozione di un modello teatrale favorisce un tipo di approccio alle organizzazioni, e all’azione umana presente in esse, che offre ai manager e ai collaboratori la possibilità di agire liberi dall’assurda convinzione che la nostra realtà sociale sia composta da entità e forze su cui noi non abbiamo alcun controllo.
 

Dal 1998 lavora nell'Educazione Manageriale e Formazione Esperienziale come learning & training specialist, coach, educatore manageriale e formatore esperienziale con competenze ed esperienze in consulenza di direzione, formazione del personale, teatro di impresa, comunicazione, corporate communication & storytelling, strategia estetica della comunicazione di impresa, leadership e comportamento organizzativo, strategia di impresa e pianificazione strategica, change management, team building, sviluppo individuale e organizzativo, psicologia di marketing e comunicazione, sales communication. Progetta e realizza lezioni-spettacolo, interventi di coaching individuale e di team e corsi esperienziali per imprese, società di consulenza e formazione, università e business school, enti pubblici e privati, organizzazioni sociali, studi legali, studi di commercialisti, professionisti.
Collabora con Bologna Business School - University of Bologna, Saint-Gobain Weber, Carpigiani Group, Cefla, Granarolo, Azienda USL Bologna - Ospedale S.Orsola Malpighi, Casa di Cura Toniolo di Bologna, Kiwa-Cermet Idea, Quadir - Scuola di Alta Formazione Cooperativa, Tools for Training, Hoel Consulting, Demetra Formazione ed ha collaborato con University of Bologna - Facoltà di Economia, Renner Italia, Zanichelli Editore, Ciba Basf Group, Coloplast Italia, AstraZeneca, Celli Group, Camst Group, Coop Adriatica, Unipol, Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, Studio Legale Associato Fazio Francia Serafini Solazzo Trombetti, Federmanager, PromoImpresa, CTC Camera di Commercio di Bologna, Cofimp Unindustria Bologna.

Dal 1986 lavora nel Teatro come direttore artistico, regista, scrittore, attore, docente. Ha svolto l'attività di direttore artistico in due teatri pubblici, di regista in 12 spettacoli, di autore di 7 opere teatrali, e progetta e realizza regie teatrali e laboratori di regia, drammaturgia e recitazione. Collabora con Palcoscenici di Formazione ed ha collaborato con Humusteater - Bologna dei Teatri, Ater Formazione, Centro Teatrale Humus.


Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to LinkedIn

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Archivio riviste precendenti al n80

la rivista nel suo vecchio formato in xhtml)

Registrazione al tribunale di Roma N° 3/2004 del 14/01/2004

Registrati