caosmanagement.it n81

Comunicare secondo natura la comunicazione me to me (conosci te stesso)

L’ESPLORAZIONE SCIENTIFICA DELLA MENTE UMANA, ATTRAVERSO GLI ESPERIMENTI RESI POSSIBILI DALLA SCOPERTA DEL BIOFEEDBACK, CONTINUA A DIMOSTRARE CHE LE PERSONE POSSONO MIGLIORARE LA LORO SALUTE E LE LORO PRESTAZIONI IMPARANDO A OSSERVARE I SEGNALI GENERATI DALLA LORO NATURA, IMPARANDO A COMUNICARE E VIVERE SECONDO NATURA

 

Gregory Bateson il noto antropologo, sociologo e cibernetico definì la scoperta del biofeedback come il più grande morso alla mela della conoscenza dopo Platone. Questo strumento opera sulla nozione che noi tutti abbiamo l’abilità innata e il potenziale per influenzare le funzioni automatiche del nostro essere attraverso l’esercizio della mente e della volontà. Appresi poi, nei primi anni ’70, frequentando un corso di formazione-formatori, che nella lontana America Alexander Everett era considerato il principale forerunner dei primi rappresentativi “allenamenti” riferiti alla consapevolezza di gruppo. Mi raccontò quello strano educatore (diverso dai soliti che si limitavano a proiettare slide scopiazzate dai pochi libri di educazione dei manager in circolazione in Italia in quegli anni), mi raccontò che Everett era arrivato negli Stati Uniti d’America dall’Inghilterra nel 1962, in Missouri; che aveva lasciato un anno dopo quello stato per trasferirsi in Texas a Forth Worth dove lo avevano invitato a contribuire alla creazione di una Scuola Privata molto speciale. Seppi che era rimasto in Texas sette anni, completando il lavoro che lo avrebbe portato -nel 1968- alla fondazione della Dinamica Mentale, una Scuola mirata alla scoperta e alla valorizzazione del potenziale umano, iniziativa precursore -per alcuni- di Est, Lifespring e diverse altre Scuole di crescita umana nate in quegli anni.

Il mio mèntore degli anni ’70 arrivò ad affermare in quell’aula che l’esplorazione scientifica del cervello umano e del funzionamento della mente aveva segnalato l’esistenza di una gamma di quattro maggiori frequenze d’onda cerebrali e che in ognuna era presente un tipo differente di consapevolezza e di grado di coscienza. Parlò dello svizzero H. Berger che per primo aveva applicato, intorno agli anni ’20, una serie di elettrodi sulla testa, riuscendo a registrare nel tracciato elettroencefalografico (EEG) le continue brusche variazioni dell’attività cerebrale. Parlò delle delta e delle teta, onde molto lunghe e lente prodotte in uno stato di sonno. Ci mise in guardia nei confronti delle beta, onde strette e veloci che tendono ad aumentare la loro frequenza quando siamo alle prese con complessi problemi logici o matematici.

Ci affascinò parlando delle onde alfa,ritmi caratteristici che compaiono in circostanze ben definite: stato di riposo, di assenza di pensiero; in cui il tracciato EEG è netto ed armonizzato.

Mi convinsi, da quel giorno che i ritmi alfa erano in grado di permettere alla mia mente di focalizzarsi sugli intimi livelli di potenza e consapevolezza, laddove hanno origine intuizione, ispirazione e creatività; laddove la mente è libera dalle pre-occupazioni e frustrazioni del mondo fisico.

Dovetti ammettere purtroppo, e con me tutta la classe, che in tale gamma l’uomo medio opera solo in rari momenti di forte emozione e di concentrazione profonda.

Per questo studiai a fondo il fenomeno e cominciai a scoprire (anche su me stesso) che imparando a controllare l’uso dei ritmi più lenti del cervello alcuni cominciavano a dimostrare una capacità di gran lunga maggiore degli altri a raggiungere mete ambite, a conservare un atteggiamento più sicuro, a godere di una salute buona e a conservare delle abitudini sane, a usare maggiori facoltà di concentrazione, a imparare le cose più velocemente e a ricordarsele con più facilità, a elevare al massimo grado tutto il loro potenziale intuitivo e creativo.

 

PRATICAI, PRATICO E INSEGNO LA DINAMICA MENTALE

E’ UN MODO FANTASTICO E CONCRETO

PER VIVERE E COMUNICARE

SECONDO NATURA

 

NE PARLIAMO

Franco Marmello

Membro AIF Associazione Italiana Formatori, Responsabile Italia “Bottega del Cambiamento”, Giornalista, scrittore. Il progetto bottega si rivolge all'Uomo Nuovo in Azienda: una risorsa consapevole della complessità organizzativa provocata dal fenomeno del cambiamento, consapevole di dover crescere in modo meno empirico rispetto al passato, sia sul piano professionale che sul piano umano.


www.bottegadelcambiamento.it


Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to LinkedIn

Commenti   

 
0 #1 Laura Lambiase Profeta 2013-09-26 06:49
Caro Franco
nella mia lunga vita ho cercato in tutti i maledetti modi di usare la mente per "aggiustare" il tiro per abbattere pulsioni negative, oltre alla somministrazion e di valium e xanax.
Istintivamente, o forse accedendo a dinamiche messe in atto sui miei cani, ho compreso che in momenti di afflizione e sofferenza cercare di tendere il proprio corpo verso mete tranquille e dolci, accarezzare la testa del mio labrador piuttosto che iniettargli farmaci che lo facevano diventare intrattabile, era più efficace.
Con questo voglio dire che gli esseri umani tendono a fare uso di tecniche di rilassamento e di autogestione, non ho le parole per definirle, e dovrebbero poterle imparare fin da bambini.
Non so cosa sia la Dinamica Mentale, ma mi affascina e credo che cercherò i tuoi articoli iniziali per sapene di più.
Grazie.
Ti abbraccio
laura
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna